Anno: XX - Numero 92    
Mercoledì 22 Maggio 2019 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » IERI A ROMA LA GIORNATA DELLA DIGNITÀ E DELL’ORGOGLIO DELL’AVVOCATURA
festival del lavoro 2019

IERI A ROMA LA GIORNATA DELLA DIGNITÀ E DELL’ORGOGLIO DELL’AVVOCATURA

Voluta dall’Organismo Congressuale Forense (Ocf) allo scopo di sensibilizzare i rappresentanti delle forze sociali, del Parlamento e del Governo sulla necessità di garantire l’accessibilità alla difesa dei diritti

IERI A ROMA LA GIORNATA DELLA DIGNITÀ E DELL’ORGOGLIO DELL’AVVOCATURA

Si è tenuta ieri mattina al Teatro Adriano la Giornata dell’orgoglio e della dignità dell’Avvocatura dedicata alla salvaguardia della tutela dei diritti, voluta dall’Organismo Congressuale Forense (Ocf) allo scopo di sensibilizzare i rappresentanti delle forze sociali, del Parlamento e del Governo sulla necessità di garantire l’accessibilità alla difesa dei diritti, salvaguardando la giurisdizione come funzione primaria dello Stato, contro i rischi derivanti dall’inefficienza della giustizia, fonte decisiva di iniquità sociale, e dall’attuale deriva giustizialista, in questa stagione di profonde riforme. Obiettivo dell’evento è stato quindi quello di trovare, con tutte le componenti della società civile e della politica, punti di convergenza sul ruolo centrale della giurisdizione e dell’avvocatura per la compiuta realizzazione dei diritti dei cittadini, per la regolazione dei rapporti economici e sociali e per la piena attuazione del principio solidarista, garanzia imprescindibile di una società dinamica, civile ed evoluta. La manifestazione è stata aperta dall’introduzione dell’Avv. Giovanni Malinconico, coordinatore dell’Ocf, che ha presentato il “Manifesto dell’Avvocatura Italiana per l’effettività della tutela dei diritti e per la salvaguardia della Giurisdizione”, evidenziando “che un’avvocatura libera e indipendente svolge il ruolo sociale di attuare la giusta difesa delle parti nel processo”. L’Avv. Malinconico si è poi confrontato con il Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, cui ha rinnovato l’invito “a mantenere un canale di dialogo costante con l’Organismo Congressuale Forense e con le istituzioni dell’Avvocatura, e a rafforzare il ruolo dell’Avvocatura negli organi di controllo dell’efficienza della giurisdizione”. Al confronto fra l’Avv. Malinconico e il Ministro Bonafede ha fatto seguito una tavola rotonda fra alcuni dei principali esponenti delle forze produttive e delle parti sociali del Paese, sull’impatto dell’inefficienza del sistema giudiziario sulla competitività del sistema economico, sui rapporti sociale e sulla società civile.  Nelle diverse fasi dei lavori della giornata, è stata raccolta una convergenza tra tutte le parti intervenute sul rischio di una eccessiva spettacolarizzazione del processo di riforme, una condizione che limita la formazione di soluzioni evolute alle istanze di riforma da parte delle parti sociali. .

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

E adesso equo compenso obbligatorio per tutti

E adesso equo compenso obbligatorio per tutti

23 Maggio 2019

Andrea Mascherin, presidente del Cnf commenta su il Dubbio: “Assieme ai nuovi parametri e alla legge sull’equo compenso si tratta di un passaggio verso il necessario riconoscimento della attività difensiva anche dal punto di vista economico»

Risolvere i problemi Isa

Risolvere i problemi Isa

21 Maggio 2019

I sindacati dei commercialisti accusano: violato lo Statuto dei diritti del contribuente

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.