Anno: XXI - Numero 143    
Mercoledì 8 Luglio 2020 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » FORMAZIONE E SEMPLIFICAZIONE PER “RICOSTRUIRE”

FORMAZIONE E SEMPLIFICAZIONE PER “RICOSTRUIRE”

Per la Presidente di Consulenti Calderone necessario ripensare anche a nuovi modelli contrattuali per la ripresa

FORMAZIONE E SEMPLIFICAZIONE PER “RICOSTRUIRE”

Per ripartire l’Italia ha bisogno di formazione e semplificazione, soprattutto in un momento in cui ci sono 10 milioni di persone in cassa integrazione. Ne è convinta la Presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, Marina Calderone, intervenuta al webinar promosso da Ricostruire “Meno leggi, più contratti di prossimità: per una riforma della contrattazione collettiva nell’industria”. La ripartenza secondo la Presidente non può avvenire se, come in questo momento, il mercato del lavoro è completamente fermo, perché bloccato “da un lato dal dover coprire le politiche passive e dall’altro dal divieto dei licenziamenti previsto dai decreti emanati per l’emergenza Covid-19”. È opportuno, invece, investire sul “reskilling”, sulla riqualificazione della competenze. Lo stesso utilizzo dello smart working – ha aggiunto la Presidente – ha dimostrato quanto sia sempre più labile il confine tra lavoro autonomo e lavoro subordinato, “perché di fatto si è chiesto a lavoratori inquadrati contrattualmente come subordinati di organizzarsi autonomamente”. Necessario, dunque, ripensare a nuovi modelli contrattuali, che possano trovare nella contrattazione di prossimità livelli adeguati a rispondere alle esigenze delle imprese e dei territori.  La proposta di potenziare la contrattazione collettiva di prossimità è stata ribadita anche da Maurizio Sacconi, presidente di Amici Marco Biagi, che ha evidenziato la necessità di introdurre un cambiamento che miri a superare il pesante impianto regolatorio centralizzato, prodotto da leggi e CCNL che si riconcorrono. Questo cambio di passo, secondo Sacconi, può avvenire seguendo due direzioni: completando l’art.8 della Legge n. 148/11 per ampliare la contrattazione di prossimità ed estendendo l’attuale tassazione “secca” (aliquota sostitutiva) a tutti gli aumenti retributivi deliberati dai contratti di prossimità (inclusi straordinari e lavoro notturno) fino a diecimila euro riducendone l’aliquota al 5%.

Rivedi l’intervento della Presidente Calderone

Rivedi l’intervento di Maurizio Sacconi

 

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.