Anno: XXIII - Numero 113    
Lunedì 4 Luglio 2022 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » FERMARE LE SANZIONI SULLE OMESSE RITENUTE

FERMARE LE SANZIONI SULLE OMESSE RITENUTE

Il Cno chiede al Ministro Orlando di intervenire subito, con un emendamento, sulle spropositate sanzioni per le violazioni contabili sotto i 10mila euro

FERMARE LE SANZIONI SULLE OMESSE RITENUTE

Una tempestiva proposta emendativa delle sanzioni previste in caso di violazioni sui versamenti delle ritenute inferiori a 10 mila euro. La chiede il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, in una lettera a firma della Presidente, Marina Calderone, al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Andrea Orlando, per fermare le migliaia di ordinanze e ingiunzioni che stanno arrivando in questi giorni ai datori di lavoro per il pagamento di ingenti sanzioni anche per minime violazioni. La norma di riferimento – l’art. 3, comma 6, del D.Lgs 15 gennaio 2016, n. 8 – prevede infatti una multa tra i 10 e i 50 mila euro nel caso di omessi o errati versamenti per un ammontare inferiore ai 10 mila euro. Sanzione che l’Inps, con circolare n. 121/2016, ha determinato in 16.666 euro nella misura minima.

Su questa criticità era già stata avviata con l’Inps una proficua interlocuzione nei mesi passati. Ora, il tema torna di stretta attualità perché le notifiche rischiano di mettere a repentaglio la prosecuzione dell’attività aziendale di tante imprese italiane. Alla luce della confusione in cui micro e piccole imprese italiane si sono trovate ad ottemperare agli obblighi contributivi durante la pandemia, il Cno propone quindi di modificare la previsione normativa, inserendo nella vigente disciplina sanzionatoria un ulteriore scaglione compreso tra i mille e i cinquemila euro all’interno del quale fissare la massima sanzione amministrativa erogabile al triplo delle somme dovute. Questo eviterebbe, si legge nella lettera al Ministro, «paradossi applicativi della norma che – per come vigente – espone il datore di lavoro ad una sanzione economicamente insostenibile (da 10.000 a 50.000 euro) a causa di un omesso versamento anche di poche decine di euro».

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

COSA CAMBIA PER I PROFESSIONISTI

COSA CAMBIA PER I PROFESSIONISTI

01 Luglio 2022

È stato approvato senza modifiche anche dal Senato il disegno di legge sull’equo compenso, che prevede maggiori tutele e garanzie per i professionisti.

EQUO COMPENSO LA LUCE IN FONDO AL TUNNEL

EQUO COMPENSO LA LUCE IN FONDO AL TUNNEL

30 Giugno 2022

Con il via libera della Commissione Giustizia senza modifiche della commissione Giustizia del Senato la norma sull'equo compenso passa al vaglio dell’Aula

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.