Anno: XXV - Numero 105    
Giovedì 13 Giugno 2024 ore 13:30
Resta aggiornato:

Home » NELL’UE SI VIGILI SU NUOVE REGOLE SU PROFESSIONI

NELL'UE SI VIGILI SU NUOVE REGOLE SU PROFESSIONI

Appello dei tributaristi Int ai candidati al parlamento europeo

NELL'UE SI VIGILI SU NUOVE REGOLE SU PROFESSIONI

L’ Istituto Nazionale Tributaristi (INT) negli incontri con i candidati al parlamento europeo, l’ultimo si è svolto nei giorni scorsi su piattaforma digitale e ha avuto grande partecipazione, oltre a sottolineare l’interesse dei tributaristi Int per la politica europea, che incide ovviamente su quella di ogni stato membro, ha evidenziato la necessità della vigilanza, da parte dei futuri euro deputati, su proposte legislative di nuove regolamentazioni e riserve nel settore professionale attuate dai singoli stati. In questo ambito, in Italia,  vige il D.Lgs. n.142/2020 che ha recepito e dato attuazione alla direttiva UE 2018/958 che, in tema di professioni, prevede un test di proporzionalità prima dell’adozione di una nuova regolamentazione al fine di determinarne o meno l’esigenza per uno specifico interesse generale da tutelare. Purtroppo non sempre a livello  nazionale ci si è ricordati  di questa legge in tema di professioni, per questo l’appello ai candidati alle elezioni europee affinché siano ‘sentinelle’ dell’applicazione della legge. “ D’altra parte ” sottolinea il Presidente dell’INT Riccardo Alemanno “ se l’ Unione Europea ha ritenuto necessario mettere un freno e un controllo a nuove regolamentazioni professionali con la direttiva 958 e il legislatore italiano ha emanato un decreto legislativo per recepirla e attuarla, significa che i tentativi di nuove regolamentazioni non necessarie per l’ interesse generale o di applicazione di riserve ad attività oggi libere, sono ancora oggetto di desiderio da parte di taluni settori, anche se ciò provocherebbe un danno alla comunità, sia per la limitazione al libero esercizio di attività, sia per l’incremento di costi a carico dell’utenza che avviene inevitabilmente in regime di monopolio. Da qui dunque la necessità di una barriera legislativa a richieste di nuove regolamentazioni, che non siano giustificate dalla tutela dell’interesse generale o che danneggino altre professionalità.”

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

AL G7, LA PRIMA VOLTA DI UN PAPA

AL G7, LA PRIMA VOLTA DI UN PAPA

14 Giugno 2024

La prima volta di un Pontefice al G7, forum di potenze globali nato quasi 50 anni fa per far fronte alle conseguenze della crisi energetica e del caro petrolio.

G7 2024 IN PUGLIA

G7 2024 IN PUGLIA

13 Giugno 2024

Il summit al via oggi a Savelletri affronterà una serie di temi cruciali, dalla guerra in Ucraina, alla crisi in Medio Oriente, dall’Intelligenza artificiale all’immigrazione, fino alle questioni finanziarie.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.