Anno: XXV - Numero 130    
Venerdì 19 Luglio 2024 ore 13:30
Resta aggiornato:

Home » «Penso che Nordio, quasi quasi, abbia ragione, la giustizia è malata ma la causa è il ministero»

«Penso che Nordio, quasi quasi, abbia ragione, la giustizia è malata ma la causa è il ministero»

Giuseppe Santalucia, presidente Anm, parlando a margine del Comitato direttivo centrale, ha lanciato dei segnali molto forti al ministro della Giustizia Nordio e al governo.

«Penso che Nordio, quasi quasi, abbia ragione, la giustizia è malata ma la causa è il ministero»

Il presidente Anm, Giuseppe Santalucia, a margine del Comitato direttivo centrale, ha affrontato le carenze dell’amministrazione della giustizia, la drammatica situazione delle carceri e il recente decreto

Parlando a margine del Comitato direttivo centrale, ha lanciato dei segnali molto forti al ministro della Giustizia Nordio e al governo. «Noi abbiamo bisogno del ministro, del ministero della Giustizia, perché è l’organo costituzionalmente proposto ad assicurare alla giustizia – ha detto il presidente dell’Anm – i servizi necessari e quando il ministro dice che la giustizia è malata io quasi quasi penso a dargli ragione, perché quando entro nel mio ufficio non ho stampanti, non ho computer, sono difficoltà quotidiane. E parlo della Corte di Cassazione, quindi di uno degli uffici centrali, pensate agli uffici periferici, in cui ci sono difficoltà enormi da superare ogni giorno per poter fare il proprio lavoro. Allora io dico che se di malattia si deve parlare, sono le parole del ministro, io non userei questo linguaggio che evoca sfiducia, beh, questa è una malattia che ha come causa il ministero della Giustizia. Ci dia le risorse per poter lavorare bene e meglio, oggi la magistratura si dibatte in risorse che sono carenze strutturali, questo è il dato».

Santalucia difende il lavoro dei magistrati: «Tutte queste difficoltà si scaricano sui risultati e se i risultati buoni li stiamo avendo, perché è lo stesso ministro che lo riconosce, sono in gran parte frutto del sacrificio, più che di uno stanziamento adeguato di risorse. Fatevi un giro per gli uffici giudiziari. Nonostante ciò, la giustizia non si ferma, quindi non parlerei di malattia, ma di un grande impegno di tutta la magistratura al servizio dell’utenza e su questo invochiamo l’aiuto del ministro».

Non meno dura l’analisi del presidente Santalucia sulle carceri e sul recente decreto. «Se oggi l’emergenza è il sovraffollamento, e lo diciamo in tantissimi, ci sono 50 suicidi che sono la prova piu forte della drammaticità della questione, beh non trovo nessun tipo di risposta in quel decreto legge. Non c’è nessun tipo di soluzione. Ce ne potevano esser tante. Non c’è nessun tipo di di strumento che consenta uno sfoltimento del numero dei detenuti. Il carcere così diventa criminogeno»

E spiega: «Il carcere deve privare solo della libertà non degli altri diritti se no diventa criminogeno, quando sarò restituito prima o poi alla società porterò dentro di me quel carico aggiuntivo di sofferenza. Qualcuno lo tradurrà anche in forme di ulteriore come dire eh commissione di illeciti. Il carcere deve essere il luogo della rieducazione della risocializzazione, non il luogo della sofferenza. Se lo trasformiamo in luogo di sofferenza avremo tutti noi come società una ricaduta negativa. Non si tratta di “svuota carceri”. Si tratta di impostare politiche carcerarie adeguate ai bisogni di sicurezza della società. Così non aumentiamo la sicurezza. La diminuiamo».

Da Il Dubbio

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Una finestra sul Pianeta Giustizia

Una finestra sul Pianeta Giustizia

19 Luglio 2024

Così il Presidente di Cassa Forense, ha definito la Piattaforma Digitale Unificata dell’Avvocatura presentata il 17 a Roma ai tanti rappresentanti della categoria e agli avvocati collegati on line.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.