Anno: XXV - Numero 130    
Venerdì 19 Luglio 2024 ore 13:30
Resta aggiornato:

Home » Palmi, la fuga dall’Ordine degli avvocati.

Palmi, la fuga dall'Ordine degli avvocati.

Nel triennio 2021-2023 le richieste sono state ben 155 su 890 iscritti.

Palmi, la fuga dall'Ordine degli avvocati.

 

Si cancellano dall’albo anche avvocati con esperienze quindicennali. Angelo Rossi, presidente del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Palmi, spiega i motivi che portano gli iscritti a rinunciare alla propria carriera perché hanno vinto i concorsi, per colpa dei redditi bassi al Sud e per le spese raddoppiate di un libero professionista.

«Le motivazioni sono molteplici», afferma l’avvocato Rossi, il quale concentra la sua amara riflessione su tre motivi. «Negli ultimi anni molti avvocati hanno lasciato la toga nonostante le loro capacità a causa della situazione economica non favorevole che induce il cliente a non recarsi dal professionista anche se ne ha bisogno, o a pretendere di avere una prestazione a costi ridotti. A questo si aggiungono l’aumento vertiginoso delle spese legate alla cassa forense, ossia iscrizioni e contributi da versare oltre alle spese vive dello studio. In un momento di forte per molti giovani e non si è aperta la possibilità di accedere ai nuovi concorsi per avere sin da subito una indipendenza economica, allettante. La somma di questi fattori: reddito basso, prospettiva del posto fisso e aumento delle spese legate all’avvocatura, e soprattutto il momento di crisi – conclude il presidente dell’Ordine del Foro di Palmi – influisce sulla carriera degli avvocati. Questa situazione negativa non è limitata al nostro territorio ma a livello nazionale».

Gazzetta del Sud

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Una finestra sul Pianeta Giustizia

Una finestra sul Pianeta Giustizia

19 Luglio 2024

Così il Presidente di Cassa Forense, ha definito la Piattaforma Digitale Unificata dell’Avvocatura presentata il 17 a Roma ai tanti rappresentanti della categoria e agli avvocati collegati on line.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.