Anno: XXV - Numero 130    
Venerdì 19 Luglio 2024 ore 13:30
Resta aggiornato:

Home » Manifestazione nazionale degli avvocati contro le lentezze giudiziarie

Manifestazione nazionale degli avvocati contro le lentezze giudiziarie

Astensione dalle udienze e protesta in piazza: penalisti e politici si uniscono per richiedere riforme immediate e soluzioni alla crisi del sistema giudiziario.

Manifestazione nazionale degli avvocati contro le lentezze giudiziarie

L’Unione delle Camere Penali ha deliberato l’astensione dalle udienze e da ogni attività giudiziaria nel settore penale nei giorni 10, 11 e 12 luglio prossimi. A Roma sono stati convocati tutti i Presidenti delle Camere Penali territoriali e gli iscritti per partecipare alla manifestazione che si terrà in Piazza dei Santi Apostoli l’11 luglio 2024, dalle ore 14:30, insieme alle associazioni sensibili a tale emergenza e ai rappresentanti politici favorevoli all’adozione di strumenti immediati per risolvere la crisi in atto.

La proclamazione dell’astensione, firmata dal Presidente Francesco Petrelli e dal Segretario Rinaldo Romanelli, arriva al termine della maratona oratoria iniziata lo scorso 29 maggio, durante la quale i penalisti hanno denunciato pubblicamente la mancanza di un programma di serie riforme strutturali, il ripensamento dell’intera esecuzione penale e l’irresponsabile indifferenza della politica di fronte al dramma del sovraffollamento e alla tragedia dei fenomeni suicidari.

L’astensione proclamata dall’Unione delle Camere Penali coincide con quella indetta dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Avellino, presieduto dall’avvocato Fabio Benigni, che è iniziata l’8 luglio e proseguirà fino al 12 luglio compreso. Questa protesta è motivata dalle gravi criticità presentate dall’Ufficio del Giudice di Pace, dall’eccessiva durata dei processi civili dovuta ai rinvii estremamente lunghi delle udienze e dal mancato tempestivo deposito delle sentenze. Inoltre, viene denunciata la totale non considerazione della norma prevista dal codice di rito che stabilisce il termine, seppure non perentorio, di 5 giorni dall’iscrizione a ruolo entro il quale deve essere fissata l’udienza di comparizione, in palese contrasto con lo spirito acceleratorio e deflattivo della Riforma Cartabia.

Avellino Today

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Una finestra sul Pianeta Giustizia

Una finestra sul Pianeta Giustizia

19 Luglio 2024

Così il Presidente di Cassa Forense, ha definito la Piattaforma Digitale Unificata dell’Avvocatura presentata il 17 a Roma ai tanti rappresentanti della categoria e agli avvocati collegati on line.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.