Anno: XXV - Numero 28    
Venerdì 23 Febbraio 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Gli Avvocati Radicali Democratici (Arde) denunciano il Consiglio Nazionale Forense

Gli Avvocati Radicali Democratici (Arde) denunciano il Consiglio Nazionale Forense

Depositata la prima denuncia alla procura della Repubblica

Gli Avvocati Radicali Democratici (Arde) denunciano il Consiglio Nazionale Forense

Stamattina ARDE, ha depositato la sua prima denuncia alla procura della Repubblica, contro gli abusi e le connivenze perpetrate dal Consiglio Nazionale Forense. La procura della Repubblica dovrà occuparsi di capire se dietro gli abusi passati sotto silenzio, le cariche ricoperte contra legem, le acclamazioni, il familismo, le clientele, gli incontri politici e non, l’edizione di un giornale pagato con i soldi degli avvocati contro la loro volontà, vi sia o meno un crimine di stampo associativo.
La corruzione ai danni della categoria va combattuta con armi proprie.
Attendiamo gli sviluppi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Il Cnf scommette sulla formazione

Il Cnf scommette sulla formazione

23 Febbraio 2024

Il coordinatore di Lab Giovani, Antonello Talerico: «I colleghi saranno al centro. Tutte le attività dei gruppi di lavoro dovranno avere una ricaduta positiva per la nostra professione».

Omicidio sul lavoro? È pleonastico

Omicidio sul lavoro? È pleonastico

23 Febbraio 2024

Per il segretario generale dell'Associazione nazionale forense, Giampaolo Di Marco, "basterebbe pensare a un'aggravante specifica". E il punto di partenza deve essere la prevenzione.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.