Anno: XXV - Numero 28    
Venerdì 23 Febbraio 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Codice Rosso, l’allarme degli avvocati romani: «Procure in tilt, così è difficile valutare i casi più a rischio»

Codice Rosso, l'allarme degli avvocati romani: «Procure in tilt, così è difficile valutare i casi più a rischio»

L'aumento esponenziale delle denunce ha fatto crescere in maniera altrettanto esponenziale il lavoro delle procure

Codice Rosso, l'allarme degli avvocati romani: «Procure in tilt, così è difficile valutare i casi più a rischio»

Procure in difficoltà a meno di due mesi dall’introduzione del Codice Rosso, a tutela delle vittime di violenza di genere: l’aumento esponenziale delle denunce ha fatto crescere in maniera altrettanto esponenziale il lavoro delle procure senza che siano stati forniti i mezzi e le risorse necessari per far fronte sia in maniera sia quantitativa sia qualitativa al nuovo carico di lavoro. L’allarme è stato lanciato durante un convegno sul tema organizzato dall’Ordine degli avvocati di Roma. La nuova norma prevede procedimenti penali più veloci per prevenire e combattere la violenza di genere, un inasprimento delle pene  contro il dilagare della violenza, maltrattamenti e femminicidi e introduce nuove fattispecie di reato come il matrimonio forzato e il revenge porn, (la realizzazione e diffusione di immagini o video con immagini sessualmente esplicite, senza il consenso dell’interessata). Si tratta di reati che si adeguano ai cambiamenti sociali, nati anche dalla pressione dei familiari di alcune vittime. Se dunque il fatto di aprire una sorta di corsia preferenziale alle denuncia ha potuto mettere in luce la dimensione del fenomeno delle violenze che restava sommersa, d’altro canto non sarebbero sufficienti le risorse per dare risposte adeguate.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Il Cnf scommette sulla formazione

Il Cnf scommette sulla formazione

23 Febbraio 2024

Il coordinatore di Lab Giovani, Antonello Talerico: «I colleghi saranno al centro. Tutte le attività dei gruppi di lavoro dovranno avere una ricaduta positiva per la nostra professione».

Omicidio sul lavoro? È pleonastico

Omicidio sul lavoro? È pleonastico

23 Febbraio 2024

Per il segretario generale dell'Associazione nazionale forense, Giampaolo Di Marco, "basterebbe pensare a un'aggravante specifica". E il punto di partenza deve essere la prevenzione.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.