Anno: XXI - Numero 165    
Venerdì 7 Agosto 2020 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Augusta, è nata l’Associazione forense

Augusta, è nata l’Associazione forense

Un avvocato ogni 300 abitanti, neonati compresi. Con tutte le specializzazioni possibili e immaginabili dello scibile giuridico.

Augusta, è nata l’Associazione forense

 

 “E ad Augusta va pure bene, perché la media nazionale è di 4,3 ogni mille cittadini”. Ma quando c’è uno studio legale in ogni condominio, allora la patria del Diritto mostra il rovescio della medaglia. Fatto dei potenziali rischi di preparazione approssimata, liti temerarie, moltiplicazione delle cause, e di quant’altro diventa logica conseguenza della brutale necessità di sbarcare il lunario. I 63 professionisti che hanno dato vita alla “Associazione forense megarese” ancora non hanno una ricetta, per affrontare le problematiche della categoria. Ma hanno iniziato, cominciando col “miracolo” di mettere assieme una metà abbondante di chi esercita con studio in città. Dopo un ventennio di tentativi a vuoto, il 23 luglio è stata finalmente tenuta a battesimo l’Afm. A presiederla, “spero non solo per ragioni anagrafiche ma sicuramente solo temporaneamente”, è stato indicato il noto penalista Puccio Forestiere. Che tuttavia, oltre a una lunga e prestigiosa carriera con la toga, si porta dietro in parallelo anche un ruolo di primo piano nella Destra siracusana. Per questo l’ex deputato del collegio, durante la conferenza stampa di presentazione all’hotel Campolato, mette subito in chiaro che “siamo apolitici e apartitici”. Se saranno anche tutti asintomatici al virus delle amministrative d’ottobre, si vedrà nei prossimi mesi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Togati Csm eletti col sorteggio, c’è già il no della magistratura

Togati Csm eletti col sorteggio, c’è già il no della magistratura

06 Agosto 2020

Nella riforma che sarà discussa oggi in Consiglio dei ministri è stata reinserita in extremis l’estrazione a sorte dei candidati, seppure in versione light. Ma due leader dell’associazionismo giudiziario, Albamonte e Sangermano, bocciano il sistema: «Produrrà solo nuove distorsioni»

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.