Anno: XXIII - Numero 113    
Lunedì 4 Luglio 2022 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Alla Gran Bretagna non conviene penalizzare i professionisti stranieri

Alla Gran Bretagna non conviene penalizzare i professionisti stranieri

Intervista a Manfredi Nulli, da 26 anni a Londra, consulente per l'internazionalizzazione delle imprese e rappresentante della comunità italiana nel Regno Unito presso il Cgie, consiglio generale degli Italiani all'estero

Alla Gran Bretagna non conviene penalizzare i professionisti stranieri

La forte presenza di stranieri che lavorano a tutti i livelli nel Regno Unito rende ottimista Manfredi Nulli, consulente per l’internazionalizzazione delle imprese e rappresentante della comunità italiana nel Regno Unito presso il Cgie, consiglio generale degli Italiani all’estero. “Sono a Londra da 26 anni – racconta all’Agi – arrivai ventenne prima del picco dell’inizio del nuovo secolo. Dopo il referendum i flussi dell’immigrazione si sono ridotti, ma anche se non ci sono cifre non ho l’impressione che in molti abbiano fatto ritorno in patria. Chi è tornato – aggiunge – lo ha fatto soprattutto per approfittare degli incentivi per contrastare la fuga dei cervelli”. Il Cgie è composto da una sessantina di ‘expat’ in tutto il mondo e si riunisce un paio di volte all’anno a Roma. È un organismo consultivo per il ministero degli Esteri, ed è nella veste di rappresentante Cgie che Nulli ha partecipato a molte riunioni riguardanti la tutela dei diritti degli italiani in Gran Bretagna messi in discussione dalla Brexit. “Dopo la vittoria del leave al referendum – ricorda – di colpo abbiamo provato la sensazione di non essere più nel nostro paese di adozione. Dopo tanti anni, ci siamo sentiti cittadini di serie b e abbiamo pensato ‘non ci vogliono piu”. La realtà però – prosegue – è che non credo siano andati via in molti”. Ora, la vittoria schiacciante dei tories di Boris Johnson non preoccupa troppo il professionista: “La campagna è stata tutta giocata sulla tutela degli interessi nazionali: non è la prima volta che gli elettorati premiano politiche a favore, almeno a parole, degli interessi nazionali dei paesi. È già successo in Usa, Brasile, ed è anche un trend italiano”. Secondo Nulli, è improbabile che il Regno Unito possa rinunciare a tanti europei attivi “in tutti i settori, dalla ristorazione alla city, alle Università, agli ospedali, ovunque: non credo converrebbe prima di tutto al governo britannico”. Nulli invita a non sopravvalutare le affermazioni anti immigrati fatte da Johnson durante il periodo pre elettorale: “Concordo che è stato a volte scorretto, ma non ha puntato troppo su questo tema, e poi era in campagna elettorale. Economicamente, al Regno Unito non conviene privarsi di manodopera qualificata e nemmeno di quella meno qualificata”. Lo stesso discorso vale anche per il resto della politica: “Ho sempre creduto – prosegue Nulli – in una prospettiva di Unione non solo economica ma anche politica. Non credo che i singoli stati nazionali possano reggere il confronto e le sfide del mondo globale da soli. Peccato – conclude – che con questo risultato elettorale il popolo britannico abbia scelto la Brexit e speriamo che l’Unione Europea tragga insegnamento con un cambio di passo”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Poltronesofà…o meglio un divano per tutti

Poltronesofà…o meglio un divano per tutti

10 Febbraio 2022

Se andate su quel sito, troverete subito un logo intrigante: “Vieni in negozio e sarai coccolato sin da primo momento”. Credo che le Casse di previdenza dei professionisti si siano ispirate a questo logo e negli investimenti assicurano agli eletti ogni tipo di poltrona.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.