Anno: XX - Numero 109    
Venerdì 14 Giugno 2019 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Sana e robusta Costituzione
festival del lavoro 2019

Sana e robusta Costituzione

Lattanzi (Presidente della Corte Costituzionale): Non credo che la Costituzione meriti sconvolgimenti, è ancora sana e robusta

Sana e robusta Costituzione

“Non credo che la Costituzione meriti sconvolgimenti, è ancora sana e robusta”. Così il presidente della Corte Costituzionale, Giorgio Lattanzi in un intervento in apertura del Salone della Giustizia. L’alto magistrato ha parlato a un uditorio di giovani avvocati e studenti di legge. “A mio parere – ha osservato il giudice – sono prive di giustificazione le iniziative, alle quali assistiamo da più di 30 anni, dirette a una profonda revisione della Costituzione, come se ne avesse urgente bisogno, come se avesse bisogno di un tagliando. Al di là del merito dei vasti progetti di riforma costituzionale sottoposti a referendum confermativo, merito che ovviamente non è qui in discussione, resta il fatto – ha sottolineato il presidente della Consulta – che le ampie maggioranze di elettori contrari mostrano una fiducia del corpo sociale nell’attuale Costituzione, che è la prima assicurazione di buona vita per ogni Costituzione, ed è quindi un valore in sé”. Il magistrato ritiene che “continue revisioni della Costituzione, per inseguire idee settoriali di miglioramento, rischiano di avere un impatto sulla società grave, scuotendo il consenso sull’intero impianto costituzionale e finisce per essere percepito come una componente ondivaga dell’ordinamento, al pari di qualunque legge ordinaria, che viene modificata a seconda delle esigenze e degli umori del momento. Non si può pensare che una modificazione dell’assetto organizzativo – ha spiegato il presidente della Consulta – non abbia ripercussioni sulla sfera dei diritti e della libertà, è ciò deve indurre a prudenza quando si vuole mettere mano anche ad aspetti che appaiono marginali, perché le ricadute possono essere ben più vaste. “La Costituzione non è solo la nostra legge fondamentale, è anche e soprattutto un’idea di società democratica, alla cui base c’è la persona, ogni persone, con i suoi diritti ma anche ‘doveri inderogabili’”: “un’idea di società pluralista, aperta e tollerante, in cui le ragioni dell’autorità si confrontano con quelle della persona, con i suoi diritti e con le sue tutele, che però non sono necessariamente destinate a prevalere. Per ogni persona – ha aggiunto – la Costituzione è una protezione, ma è anche un punto di riferimento e una guida”. La Corte Costituzione non è “un semplice custode museale di formule imbalsamate di regole e principi”, piuttosto “un garante” dei “valori costituzionali, i vecchi e i nuovi”, e di “vecchi e nuovi diritti e doveri”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.