Anno: XXII - Numero 122    
Mercoledì 23 Giugno 2021 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Conoscere per riformare

Conoscere per riformare

E non riformare senza conoscere

Conoscere per riformare

Il problema principale che hanno le Casse di previdenza dei professionisti, associazioni e fondazioni che rientrano nella Pubblica Amministrazione (Gazzetta Ufficiale n. 242 del 30.09.2020, pag. 45-52), è la sostenibilità di lungo periodo e questo perché non possono fruire di finanziamenti, diretti o indiretti, da parte della fiscalità generale avendovi, consapevolmente o inconsapevolmente, rinunciato al momento della cd. privatizzazione. 

Questo avviene perché sono transitate dal sistema mutualistico a quello solidaristico.

Com’è noto il sistema mutualistico si caratterizza per la rigorosa proporzionalità tra contributi e prestazioni previdenziali, quello solidaristico si caratterizza invece per l’irrilevanza della proporzionalità tra contributi e prestazioni professionali.

Le Casse di previdenza dei professionisti promettono prestazioni troppo elevate rispetto ai contributi richiesti agli iscritti con ciò ingenerando un debito previdenziale che è un multiplo degli accantonamenti.

Per rendersene conto basta fare un semplice raffronto con la gestione più vicina che è la GS dell’INPS, dove le aliquote sono le seguenti:

– 25,98% dal 01.01.2021;

– 26,49% dal 01.01.2022;

– 27% dal 01.01.2023.

E quindi almeno 10 punti in più rispetto alla media delle Casse dei professionisti, notai esclusivi ovviamente.

C’è quindi un GAP notevole tra le diverse aliquote con indubbio vantaggio per i professionisti ma finché le cose vanno bene.

Ora le cose non vanno tanto bene nel senso che alcune Casse si trovano in difficoltà e altre sono costrette a ricercare sui mercati finanziari rendimenti più elevati per far quadrare i conti accettando così un rischio maggiore il che significa più rischio per le pensioni future.

Ricordo che il principio della automaticità delle prestazioni, per giurisprudenza ormai consolidata, non si applica alle Casse di previdenza dei professionisti con la necessità, invece, del versamento integrale della contribuzione per aver diritto alle prestazioni.

Per dirla in breve: le Casse di previdenza dei professionisti, in quanto estranee per libera scelta al sistema della finanza pubblica, operano in regime di autofinanziamento e l’autosufficienza finanziaria è perseguita rigorosamente dalla legge.

Nella logica del finanziamento a ripartizione è proprio la contribuzione di tutti gli iscritti che realizza il vincolo solidaristico.

Siamo in tempo di bilanci consuntivi del 2020 e tutte le Casse, secondo lo storytelling usuale, decantano i rendimenti e la patrimonializzazione senza informare gli iscritti sull’entità dei crediti inesigibili in bilancio, dell’entità del debito previdenziale maturato e del funding ratio, che è il rapporto appunto tra la patrimonializzazione e il debito latente.

 Articolo 6 dello emanando regolamento che le Casse dicono di sollecitare:

«(Prospetto informativo a valori correnti)

  1. L’Ente approva annualmente, secondo gli stessi termini relativi al bilancio di esercizio, un prospetto recante l’esposizione delle attività detenute determinate a valori correnti. Il prospetto riporta anche indicazioni sul valore attuale netto delle passività connesse alle prestazioni istituzionali dell’Ente, calcolato secondo criteri coerenti con quelli posti a fondamento della valutazione a valori correnti delle attività detenute e comunque precisando tutte le ipotesi di lavoro utilizzate in detto computo.
  2. Il prospetto è trasmesso ai Ministeri Vigilanti e alla Covip entro venti giorni dalla sua approvazione. Entro lo stesso termine, l’Ente provvede alla pubblicazione del prospetto sul proprio sito internet».

Perché le Casse che dicono di sollecitare la pubblicazione del regolamento non vi adempiono spontaneamente?

Come scrivo sempre, in previdenza il problema non sono i lupi ma le pecore mentre i Vigilanti guardano e l’industria finanziaria suggerisce nuove strategie di mercato.

Per fortuna il nuovo Presidente della Bicamerale di controllo sugli enti previdenziali ha avviato una indagine a campione proprio sui temi esiziali per le Casse di previdenza dei professionisti.

A me pare che l’aumento delle aliquote, rimodulate per scaglioni, così da coniugare la proporzionalità alla progressività, sia inevitabile alla luce del monito, non mio, grillo parlante della periferia dell’impero, ma della Corte dei Conti per la quale le prestazioni previdenziali devono dipendere più dalla contribuzione che dal rendimento del patrimonio accumula

Tratto da Diritto e Giustizia

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

L’illegalità e la deontologia forense

L’illegalità e la deontologia forense

21 Giugno 2021

La “saga degli illegittimi” credo sia ormai nota a molti avvocati avendo già interessato le Magistrature di merito, di legittimità e financo la Corte Costituzionale e perché non accenna a placarsi provocando “Manifesti” dal basso che fanno sentire le pecore nere meno sole.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.