Anno: XXI - Numero 18    
Lunedì 20 Gennaio 2020 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » A spese di tutti …per finanziare i pochi

A spese di tutti ...per finanziare i pochi

Quando l'informazione è mera propaganda.

A spese di tutti ...per finanziare i pochi

Che il Dubbio e tutti coloro che gravitano intorno siano espressione della “propaganda di regime “ purtroppo è dato certo ed evidente. Che le nostre istituzioni forensi non riflettano a pieno i principi di autonomia, indipendenza a tutela della classe e che si mostrino vicine alla politica in maniera esclusiva  è un dato ormai evidente. Alla base difetta un sistema di corretta formazione delle rappresentanze che tiene fuori l’avvocatura e dimostra il fallimento della legge professionale che non  è  idonea allo scopo che dovrebbe assolvere. L’impalcatura che dovrebbe reggere le rappresentanze forensi è autoreferenziale, univoca e non garantisce la corretta e democratica formazione del consenso come potrebbe invece un sistema elettorale diverso come il sistema proporzionale con premio di maggioranza. Al tavolo delle trattative con il governo si siedono in pochi ed i meccanismi di  informazione e conoscenza per i rappresentati sono “falsati”. L’informazione …non è tale ma solo espressione del sistema autoreferenziale costituito, con l’aggravante che tutto avviene a ” spese di tutti per finanziare i pochi”. Giova ricordare, per chi è distratto dalle problematicità che purtroppo quotidianamente impegnano  la professione forense, che

“Il Dubbio”, il quotidiano generalista in precedenza diretto da Piero Sansonetti, pubblicato in formato cartaceo e digitale è interamente finanziato dal CNF con la quota annuale obbligatoria versata agli Ordini distrettuali da tutti noi Avvocati, costato dal 2015 ad oggi oltre due milioni di euro. Il Cnf tramite la propria Fondazione Fai – Fondazione Avvocati Italiani ha costitutivo nel 2015 la società di capitali Edizioni Diritto e Ragione s.r.l., con sede in Bolzano, con il compito di provvede alla pubblicazione del quotidiano. La suddetta società di capitali ha quale socio unico la F.A.I. e a capo del consiglio di amministrazione l’Avv. Mascherin, l’allora ed attuale Presidente del Cnf. L’attuale presidente del Cnf è al suo quarto mandato, ignorando legge professionale, Cassazione a Sezioni Unite e successivi interventi legislativi.  Al fine di consentire la diffusione del quotidiano, a seguito di riunioni tra i componenti del Cnf,  il direttore responsabile ed Ordini distrettuali, gli iscritti ai rispettivi albi professionali risultano …abbonati di ufficio, in senso stretto e letterale, senza voler fare simpatica ironia. Perplessità e seri dubbi quindi,  sia sulla legittimazione delle istituzioni forensi sia sull’uso distorto della informazione, non diretta ad attività e ad argomenti di interesse dell’avvocatura. Viviamo e tolleriamo  il paradosso di istituzioni rette da pochi e finanziate da tutta la categoria. Il momento impone, per le vicende pregresse ed ancora attuali, relative alla illegalità istituzionalizzata e per i risvolti e riscontri quotidiani che viviamo “e tolleriamo” , analisi critiche e sintesi coordinate di uomini e di idee dirette al cambiamento.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Equo compenso, pressing di Confprofessioni sul Governo

Equo compenso, pressing di Confprofessioni sul Governo

20 Gennaio 2020

Il presidente Stella incalza Palazzo Chigi: «Subito un intervento per vietare definitivamente i bandi gratuiti della Pubblica Amministrazione. Un segnale per chiarire la posizione dell'esecutivo nei confronti di migliaia di professionisti»

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.