Anno: XXI - Numero 19    
Lunedì 21 Settembre 2020 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » L’ultima grana per Bonafede: «Le toghe chiedono un limite ai fascicoli»

L’ultima grana per Bonafede: «Le toghe chiedono un limite ai fascicoli»

I pm chiedono di determinare il numero di procedimenti che può essere trattato dal singolo giudice in un anno

L’ultima grana per Bonafede: «Le toghe chiedono un limite ai fascicoli»

I tempi previsti nella riforma della giustizia voluta da Alfonso Bonafede, “un processo completo in quattro anni”, sono destinati a rimanere nel libro dei sogni di via Arenula. E con essi lo spauracchio delle sanzioni disciplinari per le toghe che non abbiano rispettato tale cronoprogramma.Un aggettivo, “esigibile”, incombe sugli ambiziosi progetti del ministro pentastellato.La richiesta di determinare il carico esigibile, cioè il numero di procedimenti che può essere trattato dal singolo giudice in un anno, sta rimbalzando in questi giorni con sempre maggiore insistenza nei congressi dei gruppi della magistratura associata in vista delle elezioni, previste fra un mese, per il rinnovo del Comitato direttivo centrale dell’Anm.A favore del carico esigibile si è schierata anche Unicost, la corrente di centro delle toghe. Nel suo congresso straordinario, in cui sono state rinnovate le cariche, presidente Mariano Sciacca, segretario Francesco Cananzi, la fissazione di carichi esigibili è stata inserita nella risoluzione finale.Il tema, va ricordato, non è nuovo essendo da anni fra i cavalli di battaglia di Magistratura indipendente, il gruppo moderato.Mi, criticata in passato dagli altri gruppi per la sua visione “burocratica” dell’attività del magistrato, è ora però in buona compagnia: sembra che pure i davighiani di  Autonomia&indipendenza non siano pregiudizialmente contrari alla proposta. L’unica incognita riguarda chi dovrà determinare il numero di fascicoli per singolo magistrato: il Csm o il Ministero della giustizia. Se dovesse andare in porto la proposta dei carichi esigibili, diventerebbe dunque irrealizzabile il rispetto delle tempistiche volute da Bonafede: come conciliare i tempi certi per i processi sei i magistrati  ne possono trattare solo un numero prefissato? Che fine faranno  quelli che “splafonano” tale numero?I fautori dei carichi esigibili affermano che sono indispensabili per garantire un prodotto finale di qualità: un giudice non può scrivere più di tante sentenze in un anno.  La proposta, che sta creando qualche imbarazzo agli attuali vertici dell’Anm dopo il loro endorsement al blocco della prescrizione, ha raccolto invece il consenso della stragrande maggioranza dei neo magistrati. A differenza dei colleghi anziani, le giovani toghe sono molto sensibili ai temi delle condizioni di lavoro.Alle elezioni di marzo saranno oltre mille i magistrati che voteranno per la prima volta: un voto che è destinato a modificare i futuri equilibri nell’Anm.

Fonte. Huffpost

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

I Consulenti del Lavoro incontrano la Presidente del Senato

I Consulenti del Lavoro incontrano la Presidente del Senato

18 Settembre 2020

A colloquio con la Presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati, la Presidente Marina Calderone ha illustrato gli scenari di crisi aperti dalla pandemia e il ruolo strategico dei Consulenti del Lavoro nel sostenere imprese e lavoratori

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.