Anno: XXV - Numero 105    
Giovedì 13 Giugno 2024 ore 13:30
Resta aggiornato:

Home » Gli studenti utilizzano l’intelligenza artificiale per fare i compiti

Gli studenti utilizzano l’intelligenza artificiale per fare i compiti

Il 65% degli studenti italiani tra i 16 e i 18 anni utilizza ChatGPT per i compiti.

Gli studenti utilizzano l’intelligenza artificiale per fare i compiti

L’intelligenza artificiale (IA) sta diventando sempre più importante nel mondo dell’istruzione anche per gli studenti. Secondo una ricerca condotta da TGM Research per NoPlagio.it, il 65% degli studenti italiani tra i 16 e i 18 anni utilizza ChatGPT e strumenti simili per completare i compiti e redigere saggi. Questa tendenza solleva domande importanti riguardo ai benefici e ai rischi dell’uso dell’IA in ambito scolastico.

L’indagine ha coinvolto 1007 studenti italiani, rivelando che l’IA è ampiamente utilizzata nelle scuole. Oltre al 65% degli studenti che la usano per compiti e saggi, il 71% la sfrutta per cercare informazioni, il 60% per svolgere vari compiti, il 33% per apprendere nuovi concetti, il 18% per rispondere a test, il 21% come assistente personale e il 13% specificamente per la scrittura di saggi. Questi dati dimostrano quanto l’IA stia diventando una componente essenziale dell’educazione moderna.

L’uso dell’IA è particolarmente diffuso in alcune città italiane. Napoli e Torino guidano la classifica con un utilizzo del 60%, seguite da Milano con il 56% e Roma con il 53%. Inoltre, i sedicenni risultano essere leggermente più inclini a utilizzare l’IA rispetto ai diciottenni, con un tasso di utilizzo superiore del 3%.

Nonostante l’ampio uso dell’IA, il 64% degli studenti esprime preoccupazioni per un impiego eccessivo dell’IA sia in ambito scolastico che lavorativo. Il 54% degli intervistati dichiara di non fidarsi completamente dei contenuti prodotti da ChatGPT, mentre solo il 25% lo considera uno strumento affidabile. Guardando al futuro, il 68% degli studenti prevede di continuare a utilizzare l’IA, con una preferenza leggermente maggiore tra i ragazzi (71%) rispetto alle ragazze (65%).

Per affrontare le preoccupazioni relative all’uso dell’IA, il 20% degli studenti ritiene che sia possibile mitigare molti rischi attraverso politiche di controllo e restrizioni governative. Confrontando i dati con altri paesi europei, emerge che l’uso dell’IA per scopi educativi è diffuso anche in Germania e Spagna. In Spagna, il 70% degli studenti utilizza l’IA, seguita dalla Germania con il 63%.

L’integrazione crescente dell’IA nell’educazione rappresenta una sfida e un’opportunità. È essenziale sviluppare politiche educative e normative che garantiscano un uso responsabile e sicuro di queste tecnologie avanzate, proteggendo al contempo l’integrità dell’apprendimento e del lavoro degli studenti.

Microsoft.Start

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.