Anno: XXI - Numero 77    
Martedì 7 Aprile 2020 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » AUMENTANO LE MULTE E STRETTA SULLE REGIONI

AUMENTANO LE MULTE E STRETTA SULLE REGIONI

Approvato dal Consiglio dei ministri dopo giorni di polemiche nel rapporto tra i dpcm del governo e le ordinanze delle Regioni, il nuovo decreto conferisce forza di legge alle disposizioni già assunte dal governo con i precedenti atti

AUMENTANO LE MULTE E STRETTA SULLE REGIONI

In particolare, il decreto dovrebbe funzionare come una sorta di legge quadro nel legittimare il governo ad adottare, pro futuro, “una o più misure, per periodi predeterminati, ciascuno di durata non superiore a trenta giorni, reiterabili e modificabili anche più volte fino al 31 luglio 2020”. Ma, viste le incomprensioni su questo punto in giornata, il premier Giuseppe Conte ha specificato che “questo non significa che le misure restrittive saranno prorogate fino a luglio, quello è lo spazio dell’emergenza, noi siamo pronti per allentare la mora delle misure e anzi siamo fiduciosi che ben prima di quella scadenza fissata si possa tornare alle nostre abitudini di vita”.

Le multe

Vanno da 400 euro a 3mila euro e, in caso in cui la violazione sia compiuta con un veicolo, con sanzione viene aumentata fino a un terzo. Ma non c’è il fermo amministrativo del mezzo.

Le Regioni

La sanità è di competenza regionale e “il governo sta facendo uno sforzo per supplire alle carenze delle varie strutture ospedaliere”. Inoltre, ha precisato Conte,  “Non si può che procedere in pieno accordo e coordinamento con le regioni, ma le competenze sulle misure restrittive sono e devono essere dello Stato”. Anche se, ha precisato Conte, «lasciamo la possibilità alle regioni di adottare misure ulteriori». Il decreto stabilisce però anche una sorta di vademecum per i governatori regionali, che potranno “introdurre ovvero sospendere, limitatamente a detti ambiti territoriali, l’applicazione di una o più delle misure”. Ma “la loro efficacia è limitata a sette giorni”, e soprattutto “previo comunque via libera di Palazzo Chigi”. E, se non verranno autorizzate, le ordinanze regionali perderanno “comunque efficacia allo spirare del settimo giorno” e dunque la loro reiterazione sarà inefficacie.

L’esercito

I prefetti possono disporre dei militari, previa informazione preventiva del Viminale, inb modo da “assicurare l’esecuzione delle misure di contenimento”. Inoltre, una circolare del Ministero dell’Interno stabilisce che i prefetti possano disporre la chiusura di ulteriori impianti produttivi e aziende qualora lo ritengano necessario.

Sul rapporto con le camere, il presidente del Consiglio ha spiegato: ”È previsto che ogni decreto e provvedimento del Governo sarà trasmesso ai presidenti delle camere e che il presidente del Consiglio o un ministro delegato vada a riferire ogni 15 giorni al Parlamento”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.