Anno: XXV - Numero 89    
Mercoledì 22 Maggio 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Spada e Casamonica tra i furbetti del Reddito di cittadinanza.

Spada e Casamonica tra i furbetti del Reddito di cittadinanza.

Avevano case, appartamenti, terreni e nonostante questo erano riusciti a ottenere il sussidio.

Spada e Casamonica tra i furbetti del Reddito di cittadinanza.

Avevano motociclette e auto di lusso, appartamenti, terreni. Nonostante tutte queste proprietà, avevano fatto domanda per avere il reddito di cittadinanza. E, alla fine, l’avevano ottenuto frodando lo Stato per più di quattrocentomila euro. Tra i 61 “furbetti del reddito” pizzicati dai carabinieri, almeno una decina sono quelli vicini ai clan Spada e Casamonica. E questa scoperta sta spingendo gli investigatori verso ulteriori approfondimenti per cercare di capire se le due famiglie avessero messo su una vera e propria associazione per spingere a far taroccare le istanze e accontentare con il reddito chi è più o meno vicino agli scopi criminali dei clan che operano nella Capitale.

Le giustificazioni per avere l’assegno mensile sono state le più varie, ma passavano tutte da false dichiarazioni, con appartamenti, auto e terreni regolarmente intestati ma non dichiarati nell’istanza. Oppure, riuscivano nei loro intenti segnalando di vivere in famiglie numerosissime che però, in realtà, proprio non c’erano.

Nella lista dei 61 denunciati anche 25 persone che non avevano dichiarato di essere agli arresti domiciliari o di aver respirato l’aria delle celle delle carceri: una comunicazione che li avrebbe automaticamente esclusi dal benefit messo a disposizione dallo Stato per chi è in condizione di indigenza. L’operazione che ha fatto emergere questo business milionario vede la firma dei carabinieri del nucleo operativo della compagnia Piazza Dante, grazie ad accertamenti svolti in sinergia con il nucleo dei carabinieri dell’ispettorato del lavoro presso l’anagrafe, la Banca dati della motorizzazione civile e dell’Inps. Un confronto dei database è stato utilissimo per accendere i riflettori su chi era riuscito a superare tutti gli ostacoli burocratici e a farsi dare direttamente il sussidio. L’indagine dei carabinieri ha fatto emergere l’appropriazione indebita totale di 430.306 euro, con “stipendi” che andavano dai 300 ai 900 euro: cifre variabili in relazione allo stato di bisogno che veniva falsamente dichiarato.

Tra le truffe più eclatanti, quella di un rom che era stato in grado di prendere un doppio reddito presentando due codici fiscali diversi: uno che attestava la sua nascita a Roma, l’altro in Bosnia-Erzegovina. In pratica, per lo Stato aveva due identità diverse pur essendo la stessa persona. Sono state sorprese dagli investigatori anche due famiglie del napoletano note alle forze dell’ordine per aver messo a segno, in passato, tutta una serie di truffe agli anziani, che erano riuscite con le false dichiarazioni a ottenere indebitamente il sussidio. Tanti, invece, i single che di fatto compongono una famiglia “mononucleo” che avevano dichiarato al fisco di avere un grande nucleo familiare a cui badare. Tante necessità, dunque, che si traducevano nella richiesta allo Stato di una maggiore quantità di denaro. Larga parte dei sessantuno furbetti del reddito, che hanno tra i 20 e i 50 anni, sono residenti tra Roma e la sua provincia.

Secondo l’Osservatorio statistico dell’Inps a dicembre 2022 nella Provincia di Roma sono state 150.271 le persone che hanno percepito il reddito di cittadinanza, per un assegno medio di 550,74 euro. In totale, in tutta la Regione, sono stati in 207.766 i percettori (per una media di 552,72 euro). Molto alto è il numero delle persone decadute, nel Lazio, dal diritto a percepirlo: sono stati 27.888. Mentre a 9.726 persone il diritto è stato revocato. I numeri confermano come nel corso degli anni la lotta ai furbetti del reddito si sia particolarmente intensificata: se nel 2020 si sono contati, nel Lazio, 1.547 revocati dal diritto, gli oltre novemila del 2022 dimostrano come l’intervento ora sia di fatto molto più consistente. Un numero (quello dello scorso anno), praticamente in linea con quello del 2021, quando i revocati sono stati 9.558.

Tratto da Il Messaggero

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.