Anno: XXV - Numero 132    
Martedì 23 Luglio 2024 ore 13:20
Resta aggiornato:

Home » Obbligo di aggiornamento per i professionisti: cos’è e come funziona.

Obbligo di aggiornamento per i professionisti: cos’è e come funziona.

Quasi tutti i professionisti, al giorno d’oggi, hanno l’obbligo di formazione continua, come previsto dalla legge. Il numero di crediti formativi che i professionisti sono tenuti ad acquisire, cambia a seconda della categoria di appartenenza.

Obbligo di aggiornamento per i professionisti: cos’è e come funziona.

Il motivo è molto semplice, il legislatore dal primo gennaio del 2014 ha introdotto nell’ordinamento giuridico un obbligo di aggiornamento per i professionisti oltre all’obbligo di formazione specialistica.

Lo scopo è quello di garantire ai consociati che i professionisti siano sempre aggiornati e al passo con i tempi, al fine di garantire un servizio che sia valido ed efficiente.

Architetti, geometri, periti industriali, periti agrari e ingegneri sono tenuti ad aggiornarsi continuamente, per certificare le proprie competenze e la qualità del loro operato. La formazione è disciplinata dal DPR 137/2012, che stabilisce l’obbligo di alcune categorie di lavoratori di ottenere i cosiddetti CFP (Crediti di Formazione Professionale) nei modi e nei tempi prestabiliti.

Per poter conseguire i suddetti crediti è necessario porre in essere alcune attività, come ad esempio seguire corsi di aggiornamento per professionisti finalizzati proprio a erogare i crediti formativi professionali.

Giunti a questo punto però potrebbe sorgere spontanea una domanda: cosa succede se non si raggiungono i crediti formativi professionali obbligatori? Il professionista viene sanzionato in sede disciplinare, ma è comunque tenuto ad assolvere tale obbligo entro il triennio formativo successivo.

In alcuni casi, la sanzione potrebbe aggravarsi, fino a determinare la radiazione dall’albo o dall’ordine professionale di appartenenza. In altre parole, l’aggiornamento professionale è attualmente una sorta di obbligo.

Dopo aver compreso il funzionamento dell’obbligo formativo, è bene focalizzarsi sui professionisti che sono tenuti a conseguire i crediti di formazione professionale. Secondo l’articolo 1 del DPR 137/2012, questo obbligo spetta a tutti coloro che esercitano una “professione regolamentata”.

Questo termine fa riferimento alle attività il cui esercizio è possibile solo a seguito dell’iscrizione a ordini o collegi, previo accertamento di specifiche professionalità ed al possesso di determinate qualifiche.

Rientrano in questa categoria avvocati, ingegneri, geometri, architetti, ecc. è possibile ottenere delle esenzioni solo in alcuni casi, ad esempio per malattie, infortuni, maternità o paternità, interruzione dell’attività professionale, trasferimento all’estero ecc.

Uno dei diversi modi che il professionista ha a disposizione per ottenere i crediti di formazione obbligatoria è seguire dei corsi appositi, che possono essere, in concreto, di vario tipo. Infatti, spesso possono essere le stesse università oppure degli enti certificati abilitati a organizzare corsi finalizzati all’aggiornamento dei professionisti.

Per quanto concerne le modalità di svolgimento dei corsi, purtroppo, non è possibile dare una risposta universalmente valida. Tutto dipende, infatti, da chi organizza il corso e dalla tipologia del corso stesso.

Oggi, è possibile seguire i corsi anche a distanza, in diretta oppure in modalità asincrona. In quest’ultimo caso è possibile seguire il corso in qualsiasi momento su un proprio dispositivo connesso ad internet.

Leggi Oggi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Renzi indica la via: «Noi a sinistra»

Renzi indica la via: «Noi a sinistra»

23 Luglio 2024

Il leader di Iv: «Il campo largo unica alternativa a lustri di governo Meloni» Caccia al riposizionamento: lo spazio al centro si riduce ma c’è chi non ci sta: Marattin si sfila, Calenda lo attacca.

Welfare, Ebipro apre alle co.co.co.

Welfare, Ebipro apre alle co.co.co.

22 Luglio 2024

Con il rinnovo del Contratto collettivo nazionale di lavoro degli studi professionali, sottoscritto lo scorso 16 febbraio, le parti sociali hanno definitivamente esteso le tutele anche alle collaborazioni coordinate e continuative.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.