Anno: XXV - Numero 132    
Martedì 23 Luglio 2024 ore 13:20
Resta aggiornato:

Home » Congedi paritari e retribuiti al 100%: così si favorisce la genitorialità condivisa

Congedi paritari e retribuiti al 100%: così si favorisce la genitorialità condivisa

Politiche di parificazione del tempo di cura e interventi di sostegno alle imprese, gli altri ingredienti della ricetta di Tommaso Nannicini, professore di economia all’Istituto Universitario Europeo.

Congedi paritari e retribuiti al 100%: così si favorisce la genitorialità condivisa

Congedi paritari e retribuiti al 100%, politiche che consentano a padri e madri di spendere lo stesso tempo nel lavoro e nella vita privata. Ma anche interventi di sostegno alle imprese e servizi integrati per i genitori. Strumenti, dunque, per evitare che tutto il peso della cura della famiglia ricada principalmente sulle donne e per arginare i fenomeni, purtroppo in crescita, della denatalità e delle dimissioni delle lavoratrici. Questa la ricetta proposta da Tommaso Nannicini, professore di Economia politica all’Istituto Universitario Europeo, nel corso di un’intervista rilasciata alla Web Tv di Categoria. I tempi della conciliazione vita-lavoro e della genitorialità sono stati alcuni dei temi affrontati nel corso di un dibattito che ha visto partecipare anche il Presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, Rosario De Luca e il Presidente Enpacl, Sergio Giorgini. “Nella letteratura economica si usa il termine child penalty per indicare il costo che si ha quando arriva un figlio in termini di salari più bassi e minore occupazione”, ha spiegato il professor Nannicini, autore, insieme ad Alessandra Minello, del libro “Genitori alla pari – Tempo, lavoro, libertà”, edito da Feltrinelli. Una penalizzazione rilevante per le donne “anche dopo 10 anni dall’arrivo di un figlio”. Ed è per questo motivo che si rende necessario un cambio del paradigma culturale basato ancora “sull’equazione donna uguale cura”. In sintonia con il pensiero del professore, il presidente De Luca, convinto che “la crescita della cultura delle pari opportunità, prima in famiglia, accoppiata a un sistema incentivato dalle regole, oltre che dalla vocazione imprenditoriale, è il giusto mix che può dare civiltà”. Un esempio viene dall’Ente di previdenza e assistenza dei Consulenti del Lavoro che di recente “ha ottenuto la certificazione di genere e che punta molto su iniziative a sostegno delle iscritte e della genitorialità”, ha sottolineato il presidente Giorgini. Il welfare va concepito, infatti, “non come un costo, ma come un investimento il cui ritorno non è solo economico, ma sociale”.

Guarda l’intervista

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Renzi indica la via: «Noi a sinistra»

Renzi indica la via: «Noi a sinistra»

23 Luglio 2024

Il leader di Iv: «Il campo largo unica alternativa a lustri di governo Meloni» Caccia al riposizionamento: lo spazio al centro si riduce ma c’è chi non ci sta: Marattin si sfila, Calenda lo attacca.

Welfare, Ebipro apre alle co.co.co.

Welfare, Ebipro apre alle co.co.co.

22 Luglio 2024

Con il rinnovo del Contratto collettivo nazionale di lavoro degli studi professionali, sottoscritto lo scorso 16 febbraio, le parti sociali hanno definitivamente esteso le tutele anche alle collaborazioni coordinate e continuative.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.