Anno: XXV - Numero 130    
Venerdì 19 Luglio 2024 ore 13:30
Resta aggiornato:

Home » Colmare il gap domanda-offerta con una formazione smart e mirata

Colmare il gap domanda-offerta con una formazione smart e mirata

Ospite della nuova rubrica della Web Tv, “Il futuro della formazione”, Paola Nicastro, Presidente di Sviluppo Lavoro Italia ha posto l'accento sulLa collaborazione tra settore pubblico e privato.

Colmare il gap domanda-offerta con una formazione smart e mirata

Ridurre il mismatch tra domanda e offerta di lavoro, puntando sull’IA e l’analisi di dati previsionali che leggano le esigenze delle imprese, ma anche su un modello di formazione smart e mirata alla domanda, che faciliti l’inserimento rapido nel mondo del lavoro. Sono gli obiettivi di Sviluppo Lavoro Italia, l’ente strumentale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nato per gestire le politiche attive del lavoro. La Presidente della società, Paola Nicastro, nel corso della nuova rubrica sulle politiche attive della Web Tv di Categoria “Il futuro della formazione” del 13 giugno scorso, ha sottolineato come Sviluppo Lavoro Italia svolga un ruolo di supporto alle Regioni e a tutti gli stakeholder, semplificando le procedure e assicurandone la corretta applicazione, per consentire il raggiungimento di risultati significativi. La collaborazione tra settore pubblico e privato è essenziale, secondo la Nicastro e “deve essere vera, integrata e con una ripartizione sinergica delle attività”. Ha inoltre chiarito che Sviluppo Lavoro Italia lavorerà per favorire partenariati e sportelli imprese nei centri per l’impiego, promuovendo una maggiore vicinanza e un miglior contatto tra questi e le aziende. Per quanto riguarda i programmi formativi nazionali e regionali, la Presidente ha espresso fiducia nella disponibilità cospicua di risorse e interventi, ma ha avvertito del rischio di “creare un corto circuito e sovrapposizione degli stessi”. Pertanto, l’obiettivo principale deve essere quello di “differenziare i target e integrare gli interventi in modo complementare, evitando sovrapposizioni che potrebbero disperdere le risorse e portare l’Europa a richiederle indietro”. Anche in questo caso, ha sottolineato, è responsabilità degli attori pubblici e privati accompagnare e utilizzare al meglio questi strumenti per ottenere i massimi risultati.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Notizie Correlate

Forum annuale politiche attive il 18.07

Forum annuale politiche attive il 18.07

12 Luglio 2024

Le competenze necessarie alle imprese, la certificazione della formazione aziendale. Ma anche il nuovo Programma Gol e il Fondo Nuove Competenze tra i temi affrontati.

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.