Anno: XX - Numero 176    
Martedì 22 Ottobre 2019 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Architetti. Il piano regolatore di Catania spegne 50 candeline

Architetti. Il piano regolatore di Catania spegne 50 candeline

Il presidente Amaro: "Il regalo che vorremmo scartare? Un nuovo strumento urbanistico per rigenerare la città"

Architetti. Il piano regolatore di Catania spegne 50 candeline

Mezzo secolo di PRG: il piano di Piccinato  (23 giugno 1969) compie cinquant’anni di storia. Lo strumento di pianificazione urbanistica più importante per una città come la nostra – che deve ridisegnare il futuro e i suoi “confini” – è diventato ormai uno dei più importanti nodi da sciogliere per (ri)definire la fisionomia urbana del capoluogo etneo e le sue direttrici principali di sviluppo. È per questo che la comunità degli architetti catanesi ha deciso di dedicare la festa nazionale della categoria a quest’anniversario, nel solco del percorso intrapreso in questi anni che vede in primo piano un’azione forte di informazione e sensibilizzazione dell’opinione pubblica.  “Domenica 23 e lunedì 24 giugno l’Ordine è stato presente in piazza Università – spiega il presidente etneo Alessandro Amaro – per dare nuovo impulso al piano regolatore generale. L’attuale sindaco e la Giunta si sono posti come obiettivo la finalizzazione dell’iter burocratico, rispettando – ad oggi – tutte le scadenze annunciate, per avviare un percorso serio di rigenerazione urbana. I “dischi rossi” che rallentano e ostacolano il percorso, rischiano di danneggiare ulteriormente un territorio che oggi si trova in ginocchio, e che potrebbe invece beneficiare delle ricadute economiche, sociali e imprenditoriali del nuovo PRG”.  In piazza Università verranno mostrati alla città i risultati dei workshop portati avanti in questi ultimi dieci anni dall’Ordine degli Architetti e dalla sua Fondazione – presieduta da Veronica Leone – che riguardano diverse aree della città, dalle periferie al centro storico: “Esporremo un excursus che parte proprio dalle tavole del piano Piccinato – continua Amaro – e si snoda attraverso i progetti dei workshop sviluppati grazie al continuo lavoro di studio, analisi e monitoraggio di molteplici professionisti catanesi e di ospiti internazionali, con linee di indirizzo e tantissime idee, puntualmente consegnate alle Amministrazioni e che vogliamo rimettere per l’ennesima volta in campo. Questa mostra vuole essere un ulteriore sprone e un preciso messaggio lanciato alle commissioni, al consiglio comunale e a tutti gli altri attori del processo, che devono assumersi una responsabilità precisa, scongiurando il rischio di ricominciare daccapo l’iter burocratico e di far invecchiare insieme a noi il Piano Piccinato che, adesso – più che mai – deve andare in pensione”.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Notizie Correlate

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.