Anno: XXV - Numero 89    
Mercoledì 22 Maggio 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Tregua fiscale: il no di Inarcassa alla sanatoria dei debiti

Tregua fiscale: il no di Inarcassa alla sanatoria dei debiti

Nessuna deroga per gli iscritti: l'Ente Previdenziale non aderisce allo stralcio delle cartelle esattoriali di importo inferiore a 1.000 euro

Tregua fiscale: il no di Inarcassa alla sanatoria dei debiti

Come altre casse professionali e seguendo le orme di diversi enti locali, Inarcassa ha deciso di non applicare l’annullamento automatico delle cartelle esattoriali previsto dalla Legge di Bilancio 2023.

Cartelle esattoriali: il no di Inarcassa allo stralcio

Nessuno sconto o deroga per i professionisti iscritti all’Ente: non è previsto alcuno stralcio per le cartelle esattoriali di importo fino a 1.000 euro, affidate all’Agente della Riscossione in quanto, spiega Inarcassa, gli affidamenti sono stati effettuati dopo il 2015, mentre i commi da 222 a 230 della Legge di Bilancio riguardano lo stralcio dei debiti assegnati agli agenti della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2015.

Allo stesso tempo è stato anche deliberato o di non aderire all’istituto della definizione agevolata per i debiti affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 30 giugno 2022.

In questo modo, Inarcassa ha anche sostanzialmente recepito quanto specificato dall’Agenzia delle Entrate con la Circolare del 27 gennaio 2023, n. 2, ovvero che ai sensi del comma 251 della legge n. 197/2022, l’applicazione della nuova definizione agevolata ai carichi affidati agli agenti della riscossione dagli enti di cui ai decreti legislativi 30 giugno 1994, n. 509, e 10 febbraio 1996, n. 103, potrà operare, a differenza di quanto avvenuto nelle precedenti “rottamazioni”, soltanto qualora i predetti enti si siano pronunciati in tal senso, adottando apposita delibera da pubblicare entro lo scorso 31 gennaio 2023, sul sito istituzionale dell’ente deliberante e comunicata via PEC all’agente della riscossione.

Fonte Lavori Pubblici

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Le Casse, una realtà di grande rilievo

Le Casse, una realtà di grande rilievo

17 Maggio 2024

A sostenerlo, dal palco degli Stati Generali AdEPP, sia la Ministra del lavoro, Marina Calderone, sia il Sottosegretario al Mef, Federico Freni.

Enpav, fissato il contributo di maternità 2024

Enpav, fissato il contributo di maternità 2024

16 Maggio 2024

Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali ha approvato il contributo di maternità per i medici veterinari relativo all'anno 2024. L'importo pro-capite è di 95 euro.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.