Anno: XXV - Numero 57    
Venerdì 19 Aprile 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Enpacl in una condizione invidiabile

Enpacl in una condizione invidiabile

Nell'intervista di fine mandato il presidente uscente Visparelli fa un bilancio dello stato di salute dell'Ente e delle direttrici da seguire.

Enpacl in una condizione invidiabile

A meno di un mese dalle elezioni del prossimo Consiglio di Amministrazione dell’Enpacl, Alessandro Visparelli, presidente uscente, fa un bilancio dello stato di salute dell’Ente che ha guidato per 13 anni consecutivi. In questo periodo l’Enpacl ha visto accrescere il suo patrimonio – giunto quasi a 1 miliardo e 600 milioni di euro con l’avanzo di quest’anno – raggiungendo una “condizione invidiabile” che permette di “guardare al futuro con più tranquillità”, secondo Visparelli. La priorità – ha ricordato nell’intervista alla web tv di Categoria – deve essere sempre per il gettito contributivo annuale, che consente la sostenibilità del sistema previdenziale Enpacl e il mantenimento delle prestazioni per gli iscritti. Questi ultimi, infatti, oggi possono svolgere le loro attività, potendo contare anche su servizi di assistenza, risorse per il sostegno e lo sviluppo della professione e attività di formazione gratuita, messi in campo dalla Cassa di previdenza e assistenza. In finale, Visparelli ha invitato i Consulenti del Lavoro a fare rete investendo maggiormente sulla partecipazione e lo sviluppo di una cultura previdenziale, perché in questo modo si potrà gestire al meglio il sistema Enpacl e fornire prestazioni adeguate.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.