Anno: XX - Numero 152    
Mercoledì 18 Settembre 2019 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Cnpadc, anomalie dal ‘saldo e stralcio’

Cnpadc, anomalie dal 'saldo e stralcio'

Anedda, per chi aderisce 'buchi' contributivi, il Governo corregga

Cnpadc, anomalie dal 'saldo e stralcio'

 

La Cassa di previdenza dei dottori commercialisti (Cnpadc) torna a ‘battere’ sul tasto delle “anomalie” del ‘saldo e stralcio’ dei contributi pensionistici, introdotto grazie alla Legge di Bilancio per il 2019. Nel corso di un incontro a Frosinone, infatti, fra i vertici dell’Ente ed i professionisti della provincia (che conta 560 commercialisti in attività e 56 in pensione) il presidente Walter Anedda e il vicepresidente Sandro Villani hanno parlato della norma. “Stiamo valutando con altre Casse i profili di incostituzionalità, ma l’aspetto più preoccupante per i nostri iscritti che aderiscono al ‘saldo e stralcio’, è che la norma produce l’effetto paradossale della cancellazione dell’intero anno di contributi per i quali si chiede la sanatoria. È nostro dovere informare i nostri associati dell’anomalia prodotta dalla norma, in attesa che il governo intervenga per correggerla”, ha sottolineato il numero uno della Cnpadc. “Altro tema di interesse per i commercialisti riguarda l’attivazione dal 2017, da parte della Cassa, di controlli massivi sull’incompatibilità tra il lavoro di commercialista e una seconda attività professionale”, si legge in una nota ed è, ha affermato Anedda, “importante che gli iscritti conoscano i meccanismi dell’incompatibilità, cosa che facciamo con questi incontri sul territorio, perché il rischio è che alla fine della vita lavorativa si possa vedere annullati gli anni di contributi versati alla Cassa e, quindi, l’intera pensione”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Avvocati alla Cassa entro il 30 settembre

Avvocati alla Cassa entro il 30 settembre

13 Settembre 2019

La Cassa Forense ricorda che entro il 30 settembre gli avvocati dovranno inviare il modello 5 e pagare il contributo minimo soggettivo obbligatorio

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.