Anno: XXV - Numero 111    
Lunedì 24 Giugno 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Impianti fotovoltaici: sì all’agrivoltaico installato a terra

Impianti fotovoltaici: sì all’agrivoltaico installato a terra

Non ci si ferma nemmeno per l’agrivoltaico avanzato (pannelli sospesi, ndr). Così afferma il ministro Francesco Lollobrigida, nel corso di un question time alla Camera del 22 maggio, rispondendo a un’interrogazione presentata dal gruppo parlamentare FdI.

Impianti fotovoltaici: sì all’agrivoltaico installato a terra

Impianti fotovoltaici: quali impianti sono esclusi dal divieto assoluto d’installazione?

  • Impianti fotovoltaici con moduli a terra in aree classificate come agricole dai vigenti piani

urbanistici.

  • Impianti ubicati in aree agricole non produttive. (Le procedure sono in corso).

IL Divieto è previsto dall’articolo 5 del Decreto Agricoltura (D.Lgs. n. 63/2024 G.U. n. 112 del 15/05/2024).

Impianti fotovoltaici: i limiti

L’articolo 5, comma 1, del decreto “Agricoltura” (vedi ItaliaOggi del 3, 7 e 16/05/2024), che integra l’art. 20 del D.Lgs. n. 199/2021, limita l’installazione:

  • Di impianti fotovoltaici, con moduli posti al suolo e in aree classificate come agricole dai vigenti piani urbanistici, solo ad alcune zone, cioè luoghi dove sono già installati impianti della stessa fonte, limitatamente agli interventi di modifica, interventi di ristrutturazione, rinforzo o ricostruzione integrale di impianti già installati, purché non comportino un aumento della superficie occupata.

Sono inoltre consentite cave e miniere cessate, non sono state recuperate o sono abbandonate o in

condizioni di degrado ambientale, ovvero porzioni di cave e miniere non suscettibili di ulteriore

sfruttamento;

L’installazione è consentita nei luoghi e negli impianti a disposizione delle società del gruppo Ferrovie dello Stato Italiano e dei gestori dell’infrastruttura ferroviaria, nonché delle società concessionarie delle strade a pedaggio, nonché nei luoghi e negli impianti a disposizione delle società di gestione degli aeroporti all’ interno del complesso aeroportuale. Compresi quelli appartenenti agli aeroporti delle isole minori e alle aree limitrofe alla rete autostradale per una distanza non superiore a 300 metri.

L’installazione è consentita in aree all’interno di stabilimenti e stabilimenti industriali, nonché in aree agricole classificate i cui punti si trovano a non più di 500 metri dallo stesso stabilimento o stabilimento.

Il divieto non si applica ancora agli impianti destinati a costituire una Comunità delle energie rinnovabili

(Cer), ai progetti che attuano il Piano nazionale di risanamento e resilienza (Pnrr) e il Piano nazionale di

investimenti complementare al Pnrr (Pnc).

In altre parole…

È vietato il fotovoltaico:

  • A terra nelle aree agricole produttive;
  • Nei siti sottoposti a bonifica, compresi i Siti di Interesse Nazionale (SIN) e di Interesse Regionale

(SIN);

  • In siti orfani e in aree classificate come agricole, racchiuse in un perimetro i cui punti distano non

più di 500 metri da aree industriali, artigianali e commerciali

Sono altresì vietate le aree che non sono comprese nel perimetro dei beni sottoposti a tutela paesaggistica né si trovano all’interno della fascia di rispetto dei beni sottoposti a tutela (500 metri).

Articolo tratto del sito web di ZeroF24

Redazione: Stragroup Spa

Link: https://bit.ly/3USZ4Pi

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Agrisolare: Aiuti alle imprese agricole

Agrisolare: Aiuti alle imprese agricole

18 Giugno 2024

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ha consentito di destinare risorse aggiuntive per 850 milioni di euro all'investimento denominato “Parco Agrisolare” (missione 2, componente 1, investimento 2.2),

Transizione energetica: super aiuti all’industria

Transizione energetica: super aiuti all’industria

11 Giugno 2024

Le aziende esposte ad un rischio reale di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio potranno presentare richieste di aiuti del Fondo per la transizione energetica nel settore industriale, questo sarà possibile dal 10 giugno al 30 giugno 2024.

Credito d’imposta 4.0: nuovi obblighi

Credito d’imposta 4.0: nuovi obblighi

06 Giugno 2024

Le richieste di compensazione del credito d'imposta 4.0 sui beni devono essere presentate attraverso una nuova funzionalità semplificata tramite la piattaforma disponibile sul sito del GSE (Gestore Servizi Energetici), non più a mezzo pec.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.