Anno: XXV - Numero 130    
Venerdì 19 Luglio 2024 ore 13:30
Resta aggiornato:

Home » “Per me esiste solo il processo”.

“Per me esiste solo il processo”.

La lezione di Gino Cecchettin contro lo show del dolore.

“Per me esiste solo il processo”.

«Preferisco concentrarmi sul processo che avremo a breve. Conta solo quello, che sia fatta giustizia per la dolce Giulia. A me quello interessa». Mentre gli spezzoni del verbale di Filippo Turetta tappezzano ogni angolo della rete, Gino Cecchetin è l’unico a resistere all’onda mediatica: per loro, per la famiglia – dice il papà di Giulia attraverso il legale Stefano Tigani – conta solo il processo. Che si aprirà a metà luglio con l’udienza preliminare fissata dal gup di Firenze.

Quel giorno in aula Gino Cecchettin ci sarà, fa sapere lui stesso. Ma fino ad allora preferisce chiudere occhi e orecchie di fronte al processo che si celebra fuori dal tribunale. «Ignoro chi ci ha inflitto questo grande dolore», avrebbe ripetuto dopo il racconto di quella terribile notte trasmesso in tv. Uno show del dolore al quale il papà di Giulia risponde con dignità e compostezza.

Gli ultimi momenti di vita della ventiduenne di Vigonovo uccisa dall’ex fidanzato l’11 novembre 2023 sono contenuti nell’interrogatorio reso da Turetta nel carcere di Verona. Una cronaca angosciante di quella notte contenuta nel verbale del primo dicembre rivelato in esclusiva venerdì dal programma “Quarto Grado”.

Davanti al pubblico ministero di Venezia Andrea Petroni, il giovane ricostruisce la serata trascorsa a fare shopping e la cena in un centro commerciale a Marghera, quindi il viaggio di ritorno con l’auto che si ferma in un parcheggio a 150 metri dalla casa di Giulia. Racconta nel dettaglio il suo stato d’animo, la paura e il tentativo di fuga di Giulia, determinata ad essere libera. Il rifiuto, il litigio, la brutale aggressione. L’autopsia restituisce 75 coltellate e una morte per shock emorragico provocato dal colpo alla testa e dalle coltellate. La procura gli contesta l’omicidio volontario aggravato da premeditazione, crudeltà e legame affettivo, e i reati di sequestro di persona, occultamento di cadavere e porto d’armi.

Un delitto che aveva sconvolto il paese, pronto di nuovo ad indignarsi davanti a un orrore che riemerge. E che Gino Cecchettin non ha voluto guardare né commentare. Intervistato da Serena Bortone alla presentazione del suo libro “Cara Giulia, quello che ho imparato da mia figlia”, ha spiegato che presenzierà alla prima udienza, anche per rispetto delle istituzioni giudiziarie, sebbene intenda tenersi il più possibile lontano dal processo. Ha parlato della famiglia di Turetta, dimostrando empatia, e tenendosi ben lontano dal giudicare l’operato dei genitori, al più riconoscendo che anche loro stiano vivendo a loro modo una tragedia.

Durante l’incontro si è soffermato sulla necessità di badare ai piccoli momenti e ai dettagli, sul vero significato del ”vivere, qui e ora”, su quanto ”l’economia della vita” non sia sempre il modo di vivere più corretto, e anzi che sia meglio molto spesso ”un balletto, un gioco, una smorfia”, come insegnatogli stesso da Giulia. E riassumendo in un solo termine il messaggio più importante a lei riconducibile ”Amate, non odiate. Anzi, amate e basta”.

Da Il Dubbio

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Una finestra sul Pianeta Giustizia

Una finestra sul Pianeta Giustizia

19 Luglio 2024

Così il Presidente di Cassa Forense, ha definito la Piattaforma Digitale Unificata dell’Avvocatura presentata il 17 a Roma ai tanti rappresentanti della categoria e agli avvocati collegati on line.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.