Anno: XXV - Numero 130    
Venerdì 19 Luglio 2024 ore 13:30
Resta aggiornato:

Home » La morte di Satnam Singh è colpa di tutti.

La morte di Satnam Singh è colpa di tutti.

Tutti sapevano e non si è mosso. Il proprietario dell’azienda dove lavorava il trentunenne indiano è indagato da cinque anni per capolarato.

La morte di Satnam Singh è colpa di tutti.

Renzo Lovato, il proprietario dell’azienda dove lavorava il 31enne indiano lasciato morire per strada con un braccio tranciato, è indagato da cinque anni per capolarato.

L’uomo, secondo cui Satnam è morto per una sua “leggerezza”, è stato lasciato libero di schiavizzare i braccianti: li assumeva, poi li licenziava costringendoli a continuare a lavorare mentre incassavano la disoccupazione.

Così, poteva pagarli la metà (tutto in nero) – la società ha ottenuto 131mila euro di fondi pubblici. e intanto i poveri cristi senza diritti venivano fatti lavorare a 4 euro l’ora senza bagni e costretti a vivere in baracche per cui dovevano pagare.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.