Anno: XXV - Numero 107    
Martedì 18 Giugno 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Presentato al Palabancaeventi il report dell’economia Piacentina

Presentato al Palabancaeventi il report dell'economia Piacentina

Rallenta la crescita ma con segnali di tenuta del sistema

Presentato al Palabancaeventi il report dell'economia Piacentina

Il valore aggiunto provinciale cresce dell’1% – I punti di forza e debolezza – La

presentazione del Report 2024 al PalabancaEventi si è aperta con un momento di

raccoglimento per la scomparsa del rettore della Cattolica Franco Anelli

Si è aperta con un momento di raccoglimento in ricordo del rettore dell’Università Cattolica

Franco Anelli, prematuramente scomparso, la terza edizione della “Giornata dell’economia

piacentina” che si è tenuta oggi, lunedì 27 maggio, al PalabancaEventi di via Mazzini.

“Il 2023 ha registrato anche a Piacenza un rallentamento della crescita economica dopo il

rimbalzo positivo post-pandemia del biennio precedente. Si tratta di una contrazione della

dinamica economica non solo nazionale ed europea, ma in gran parte del mondo occidentale

e dei paesi emergenti, causata dalle tensioni geopolitiche internazionali (Ucraina, Medio

Oriente, Africa) e dalle conseguenti ripercussioni sui mercati dell’energia e delle materie

prime. In questo contesto difficile e imprevedibile, il sistema Piacenza rivela una tenuta

sostanziale con il valore aggiunto provinciale che ha raggiunto i 10,1 miliardi di euro con

una crescita dell’1% a prezzi base, che rappresenta un incremento relativo inferiore alla

regione (+1,3%) e all’Italia (+1,1%)”. Questo – in estrema sintesi – il quadro che emerge dal

Report 2024 sull’economia locale (curato dal Laboratorio LEL della Cattolica, sotto la

responsabilità scientifica del prof. Paolo Rizzi), presentato nel corso della citata “Giornata

dell’economia piacentina”, svoltasi in una Sala Corrado Sforza Fogliani gremita di autorità

civili e militari e di addetti ai lavori con una nutrita rappresentanza delle Associazioni di

categoria piacentine.

Dopo sette anni di interruzione, dal 2022 – su iniziativa della Banca di Piacenza,

dell’Università Cattolica e della Camera di Commercio (da quest’anno tra i protagonisti

dell’iniziativa come Camera di Commercio dell’Emilia, nata nel 2023 dall’integrazione

degli Enti camerali di Piacenza, Parma e Reggio Emilia) – è dunque ripresa la pubblicazione

del Rapporto annuale sul sistema economico piacentino, distribuito a tutti gli intervenuti al

termine dell’incontro.

IL SALUTO DEL PRESIDENTE NENNA. Il presidente della Banca Giuseppe Nenna

(autore della prefazione al Report) ha portato i saluti dell’Istituto di credito ricordando come

questo appuntamento, giunto alla terza edizione, «sia già tornato una tradizione che

proseguirà anche nei prossimi anni».

GLI INTERVENTI. Il direttore dell’Ufficio studi di Unioncamere Emilia Romagna, Guido

Caselli ha posto l’accento sull’invecchiamento della popolazione nella nostra provincia e sul

fatto che nel 2024 il valore aggiunto di Piacenza crescerà meno rispetto a quello della

regione e del Paese. «È molto importante – ha consigliato – investire nel capitale relazionale,

perché maggiore è quest’ultimo, maggiore è lo sviluppo e viceversa». Il prof. Rizzi,

direttore del LEL, ha preso in esame i punti di debolezza (quelli in peggioramento: natalità

delle imprese, basso numero di iniziative imprenditoriali giovanili, dinamica dei prestiti,

infortuni sul lavoro; e quelli in miglioramento: numero di società di capitali, andamento del

turismo che cresce) e di forza (anche qui, quelli che migliorano: le esportazioni, la dinamica

occupazionale, le imprese straniere, le performance delle imprese leader; e quelli in

peggioramento: il Pil, il tasso di disoccupazione, il peso di agricoltura e industria) del

sistema Piacenza.

Il vicepresidente della Camera di Commercio dell’Emilia Filippo Cella ha illustrato il ruolo

del nuovo ente camerale nato dall’unione delle realtà di Reggio, Parma e Piacenza («la

quinta a livello nazionale e la prima dell’Emilia Romagna») come fautore dello sviluppo dei

singoli territori «verso i quali si sta dimostrando molta attenzione». La Camera di

Commercio dell’Emilia è disponibile a sostenere progetti di sviluppo, per esempio nelle

aree dell’Appennino emiliano; ad investire nella formazione in collaborazione con le

università; ad investire, e lo sta già facendo, nei processi di digitalizzazione e nella

sostenibilità ambientale.

Vittorio Silva, direttore generale dell’Amministrazione provinciale, è dal canto suo tornato

sul tema della sopravvivenza dei territori montani, portando come esempio virtuoso di

collaborazione (tra Provincia, Comune di Bobbio e Diocesi) per salvare l’Istituto superiore

del centro della Valtrebbia, unico rimasto in montagna «e che ha fatto registrare un

incoraggiante incremento di iscritti». Il dott. Silva ha poi rimarcato il fatto che la provincia

di Piacenza sia stata la prima in regione a dotarsi del Piano Territoriale di Area Vasta e con

il voto unanime del Consiglio provinciale e ha concluso indicando due obiettivi trasversali

da perseguire per la Piacenza del futuro: «La capacità di fare rete nel nostro territorio e

quella di fare squadra con gli altri territori del bacino padano».

La voce delle imprese è stata affidata a Valter Alberici, presidente del Gruppo Allied

International, che ha raccontato la sua storia personale di imprenditore (scandita, a partire

dagli anni Duemila, da una serie di acquisizioni che hanno fatto crescere l’azienda in modo

esponenziale). «Ci siamo specializzati – ha esemplificato – nell’acquisto di aziende che

andavano male per cercare di farle andare bene». L’imprenditore si è quindi rivolto ai

giovani spiegando che cos’è un’azienda: «La passione che ci metti nel gestirla, nel motivare

i tuoi dipendenti, nel migliorare il capitale umano e i processi. L’azienda è passione e

sacrificio, è il non mollare mai. I nostri giovani usciranno dalle università preparatissimi, ma

dovranno confrontarsi con altri giovani preparati come loro ma che hanno più “fame”. La

differenza, allora, la farà proprio la passione e la resilienza che metteranno nel loro lavoro».

LA SITUAZIONE. Oltre alla sostanziale tenuta del valore aggiunto provinciale citata

all’inizio, da registrare la crescita dell’occupazione di oltre 4.300 unità, raggiungendo i

129.595 addetti nel 2023, migliorando ulteriormente il tasso di occupazione che ha ormai

superato la quota del 70% come l’Emilia Romagna, ben al di sopra della media nazionale

(61,5%). Va tuttavia segnalato come il tasso di disoccupazione sia rimasto più elevato della

media regionale (6,4% contro 5%) con oltre 8.800 disoccupati in provincia di Piacenza,

trainato dai tassi di disoccupazione femminile (8%) e giovanile (circa 20%) più contenuti

che nel resto del Paese ma più alti delle aree più evolute del Nord Italia. Preoccupa ancora la

notevole quota di contratti a tempo determinato (quasi 40 mila), rispetto a quelli a tempo

indeterminato (quasi 10 mila).

Il numero di imprese attive, dopo la modesta crescita del 2022, ha ripreso il proprio

andamento di declino ormai decennale con la perdita di 210 unità, con il segno negativo sia

nell’agricoltura che nell’industria, a fronte della crescita dei sevizi alle imprese, delle

attività professionali e tecniche e delle imprese dei settori dell’intrattenimento, dello

spettacolo e dello sport. Si conferma importante il contributo delle imprese straniere (quasi

4000) che crescono di oltre un terzo nell’ultimo decennio compensando il calo continuo

delle imprese autoctone (-11% dal 2014).

Sul fronte dei rapporti con l’estero, le esportazioni segnano un’altra annata decisamente

fortunata (dopo lo stop del 2022), salendo a 6,5 miliardi di euro con un balzo dell’8,6%,

soprattutto grazie all’incremento di vendite in Africa (+25%), in Medio Oriente (prima dello

scoppio del conflitto israelo-palestinese) e in Asia. Va sempre depurato il dato delle

esportazioni dai flussi attivati dalle piattaforme logistiche del territorio (Piacenza, Castel

San Giovanni, Monticelli, Pontenure e Cortemaggiore) che portano all’estero prodotti non

locali, ma la crescita delle vendite internazionali dei nostri settori di punta è comunque

ragguardevole, a partire dai macchinari (1,2 miliardi di euro), dell’alimentare (603 milioni)

e dei mezzi di trasporto merci (279 milioni). La contemporanea riduzione delle importazioni

(7,2 miliardi di euro nel 2023) ha migliorato il saldo commerciale che rimane tuttavia

negativo nella provincia. In ogni caso, Piacenza ormai da un decennio è diventata tra le

prime esportatrici del paese, con una propensione internazionale pari al 55% del Pil locale

(36% in Italia).

Il quadro demografico continua a registrare sia luci che ombre, ma con un quadro futuro

molto preoccupante: le proiezioni al 2043 prospettano una popolazione di 240 mila abitanti

nel caso dello scenario peggiore senza immigrazione.

Dal punto di vista delle componenti sociali ad ambientali dello sviluppo locale Piacenza

registra ritardi e criticità. In primis gli infortuni sul lavoro, per i quali il territorio si pone al

98° posto nella graduatoria nazionale, con 16 incidenti mortali o con inabilità permanenti

ogni 100 mila occupati, e la mortalità degli incidenti stradali al 97° posto. Ancora gli indici

del clima (102°) e le temperature anomale (92°), aspetti ovviamente non solo locali e

connessi a cambiamenti epocali anche sovranazionali. Ancora molto insufficiente il numero

di laureati (91°) nonostante la presenza in crescita di quattro poli universitari (Università

Cattolica, Politecnico, Conservatorio, Università di Parma). Vanno tuttavia enfatizzati anche

gli indicatori sicuramente positivi. Dal punto di vista demografico la quota di immigrati

regolari sulla popolazione (3° posto in Italia) e il saldo migratorio (5°), così come il numero

di imprese straniere (12°). Nell’ambito economico si conferma la ricchezza del territorio,

con il terzo posto nella graduatoria nazionale per i depositi bancari per abitante, l’elevato

tasso di occupazione (21°) e la forte propensione alle esportazioni (19°). Nella sfera sociale

e culturale emerge l’ottimo posizionamento (4° in Italia su 107 province) come indice di

qualità della vita dei giovani (nonostante i dubbi sulla significatività di questa misura

composta di 12 indici), le buone dotazioni di servizi per il benessere (11°) e di palestre e

piscine (9°), così come gli alti indici di lettura come numero di copie di libri vendute (11°)

ed infine alcuni indicatori di qualità dell’amministrazione pubblica, come l’illuminazione

pubblica intelligente (17°) e le amministrazioni digitalizzate (14°).

Nel settore del credito si assiste anche nel 2023 ad un calo significativo dei depositi

bancari (10,5 miliardi di euro) che accompagna la diminuzione dei prestiti (6,3 miliardi),

facendo scendere ancora il rapporto depositi-prestiti a 60,5, dato penalizzante per il

territorio perché indica la fuoriuscita dei risparmi raccolti dalle famiglie verso altre aree del

Paese dove gli investimenti appaiono più dinamici (il dato regionale è infatti pari a 85,5 e

quella nazionale a 83,8). La diminuzione del numero di sportelli bancari per numero di

abitanti, causata da noti cambiamenti intervenuti negli ultimi anni nel settore creditizio

(riduzione dell’uso del contante, crescita del digitale) è continuata anche nel 2023. In

provincia di Piacenza questa decrescita è stata molto più lenta rispetto alla situazione

regionale e nazionale. Questo risultato positivo per Piacenza è merito anche della politica di

sostegno al territorio portata avanti dalla banca locale (Banca di Piacenza).

I TRE NODI STRATEGICI. Il primo nodo strategico su cui concentrare l’attenzione per il

futuro del sistema Piacenza è il rapporto tra capitali esterni e interni, ovvero la capacità di

coniugare il necessario ricorso a investimenti internazionali per rimanere competitivi sui

mercati mondiali e la presenza di imprenditorialità autoctona più sensibile e radicata sul

territorio e quindi più “fedele” alle sorti della città e della provincia. Il secondo nodo

rilevante riguarda l’emergere di situazioni di povertà e disagio sociale ed economico sempre

più diffuse. Nel territorio piacentino l’Osservatorio delle povertà della Caritas ha registrato

un incremento consistente nelle richieste di aiuto (mensa, ricovero, vestiti, assistenza

psicologica) sia per il moltiplicarsi di casi di bisogno estremo (senza fissa dimora, rifugiati,

patologie psichiatriche acute, dipendenze), sia per il diffondersi di situazioni ibride “grigie”

legate al nuovo fenomeno dei working poor. Il terzo nodo è rappresentato dalle nuove forme

di pianificazione territoriale condivisa. La riorganizzazione dell’architettura istituzionale

degli enti locali (riforma della Provincia) e delle autonomie funzionali (Camera di

Commercio dell’Emilia) dovrà tradursi in modelli moderni e innovativi di progettazione

collettiva. Anche il ruolo delle Associazioni di categoria, rinnovate negli ultimi anni come

classe dirigente, dovrà contribuire al coordinamento delle iniziative collettive in modo

cooperativo e innovativo. Il 2024 è anche l’anno di approvazione del nuovo Piano

Territoriale di Area Vasta di Piacenza che ha proposto come vision di sviluppo una

“provincia attraente, snodo territoriale ed eccellenza nel sistema padano”. Da un lato emerge

l’urgenza di superare il modello della “capitale della logistica”, per contenerne le

diseconomie esterne di tipo ambientale e sociale, dall’altro per riconoscere il valore

strategico delle vocazioni storiche del territorio (meccanica avanzata, agroalimentare,

raccorderia, materiali da costruzione). Infine il problema dell’equilibrio territoriale, per

rispondere alla domanda di sostegno (economico, sociale, istituzionale) da parte dei territori

montani, da decenni schiacciati da processi di spopolamento e desertificazione produttiva e

residenziale sempre più evidenti.

Le nuove sfide del sistema piacentino sono quindi legate allo sviluppo di una “intelligenza

collettiva” capace di rendere sostenibile lo sviluppo locale, ovvero accompagnare la crescita

competitiva delle imprese del territorio, rispondere ai nuovi bisogni sociali delle fasce

deboli, attivare percorsi di resilienza nelle aree interne e montane della provincia.

RINGRAZIAMENTI. Al termine del Report l’Università Cattolica del Sacro Cuore, sede

di Piacenza, “ringrazia il presidente del Consiglio di amministrazione della Banca di

Piacenza, Giuseppe Nenna, per aver sostenuto l’organizzazione della Giornata

dell’Economia Piacentina ed i componenti del Comitato di indirizzo e di coordinamento,

Eduardo Paradiso, Domenico Capra, Michelangelo Dallariva, Vittorio Silva, per il prezioso

lavoro di accompagnamento nel percorso di analisi e di ricerca. Un sincero ringraziamento

anche a Valter Alberici, Renato Velli, Andrea Grieco, Alfredo Repetti, Hani Boktor, Luca

Groppi, Pierangelo Romersi, che hanno partecipato agli incontri di approfondimento

settoriali sul comparto della raccorderia e del turismo. Grazie a loro il rapporto sul sistema

economico piacentino si è arricchito anche di valutazioni e previsioni difficilmente

ricavabili dalle statistiche ufficiali. Ancora un riconoscimento anche ai direttori e referenti

delle Associazioni di categoria Confcommercio, Confesercenti, Confindustria, Confapi,

Libera Artigiani, Unione Provinciale Artigiani, Lega Cooperative e Confcooperative, per

aver facilitato l’incontro con gli operatori economici soci delle loro organizzazioni. Infine,

ma non ultimo segnaliamo il contributo dell’Ufficio Studi di Unioncamere Emilia Romagna

nelle persone del suo direttore Guido Caselli e di Mauro Guaitoli, per aver condiviso dati,

ricerche e analisi e così arricchito in modo significativo il presente rapporto”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

A Lucerna secco no alle condizioni di Putin

A Lucerna secco no alle condizioni di Putin

18 Giugno 2024

In un vertice, quello tenuto a Lucerna con le delegazioni di oltre novanta paesi, che si è concluso con una dichiarazione finale fin troppo scontata, la presa di posizione meno banale è stata probabilmente proprio quella Ucraina.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.