Anno: XXV - Numero 130    
Venerdì 19 Luglio 2024 ore 13:30
Resta aggiornato:

Home » Tutto ebbe inizio con Scalfaro.

Tutto ebbe inizio con Scalfaro.

Perché c’è una destra che odia il Quirinale

Tutto ebbe inizio con Scalfaro.

Il premierato non si spiega soltanto col razionale: è soprattutto un moto dell’anima, lo sfogo di un sentimento, una rivincita lungamente covata, la vendetta postuma dei torti subiti, la sanzione finale agli abusi perpetrati dal Colle, se veri o presunti tali poco importa

Dai nostri vuoti di memoria riemergono a volte fantasmi che ci raccontano scomode verità. Per esempio, nei giorni scorsi il cardinale Camillo Ruini (92 anni di cui 16 trascorsi alla guida della Conferenza Episcopale Italiana) ha confermato a Francesco Verderami sul CorSera un episodio di cui era già circolata voce, senza però trovare riscontro: e cioè che l’allora presidente Oscar Luigi Scalfaro, sul finire del 1994, aveva domandato aiuto ai vescovi per fare cadere il primo governo Berlusconi. Ruini era rimasto senza parole davanti a una richiesta così enorme e rifiutò di dare l’appoggio ecclesiastico. Ma il piano andò avanti ugualmente. Scalfaro convinse l’allora leader della Lega, Umberto Bossi, a mollare il Cav; e il presidente ci riuscì fornendogli la garanzia che, fatto il “ribaltone”, non avrebbe consentito a Silvio di tornare a votare; anziché sciogliere le Camere, avrebbe formato un governo “tecnico” guidato da Lamberto Dini per scansare il giudizio degli elettori. Fu grazie a questo complotto che Berlusconi venne mandato a casa.

Di  Ugo Magri per Huffpost

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.