Anno: XXII - Numero 35    
Lunedì 8 Marzo 2021 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Quarantena intermediari fiscali: un o.d.g. approvato al Senato sollecita una soluzione della problematica.

Quarantena intermediari fiscali: un o.d.g. approvato al Senato sollecita una soluzione della problematica.

Alemanno INT: è necessario un intervento rapido, perché il problema va risolto adesso.

Quarantena intermediari fiscali: un o.d.g. approvato al Senato sollecita una soluzione della problematica.

Il problema del rinvio delle scadenze fiscali e contributive dei contribuenti assistiti da un intermediario fiscale il cui studio sia posto in quarantena, sollevato dall’Istituto Nazionale Tributaristi (INT) già nell’ottobre scorso, non ha trovato la soluzione attesa nel Decreto Ristori. L’emendamento  proposto dal  Sen. Gianni Pittella al suddetto Decreto (oggi in via di approvazione definitiva alla Camera ma senza possibilità di modifiche), è stato trasformato in un o.d.g. che evidenzia comunque la necessità di porre rimedio alla problematica e ne indica la soluzione al Governo da adottare nel primo provvedimento utile.  Le vie sono:  l’inserimento in un prossimo Decreto legge o nell’attuale Legge di Bilancio, ma nel secondo caso visti i tempi occorrerebbe una fortissima volontà da parte dell’Esecutivo, od un iter particolarmente rapido del ddl 1474, in discussione in Commissione Giustizia al Senato, che in modo più ampio pone rimedio all’impossibilità del professionista, a causa di infortunio o malattia, di gestire le scadenze dei propri assistiti, ovviamente ricomprendendo oltre ai professionisti iscritti alla casse previdenziali private anche i professionisti di cui alla L.4/2013 iscritti alla gestione separata dell’Inps, così come indicato in emendamenti  proposti  all’art.2 del suddetto ddl e come aveva  annunciato dalla relatrice Sen. Grazia D’angelo.   “Avevamo posto il problema specifico dei professionisti intermediari fiscali, poiché le scadenze per tale funzione sono particolarmente numerose e,  salvo specifiche indicazioni normative, non prevedono slittamenti pertanto il loro mancato adempimento causa inevitabilmente l’applicazione di sanzioni.“ dichiara il Presidente dell’INT, Riccardo Alemanno, che ribadisce “ sicuramente condivido la necessità di un intervento legislativo  più ampio in caso di malattia od infortunio del professionista,  ma il problema  della quarantena, che potrebbe riguardare oltre che il professionista  anche i collaboratori quindi tutto lo studio, va risolto adesso non tra un mese o due.”

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Il rapporto Censis sull’Avvocatura

Il rapporto Censis sull’Avvocatura

05 Marzo 2021

Studio di ricerca, basato su un programma triennale di lavoro, per analizzare le condizioni attuali, le prospettive della professione ed il suo ruolo nella fase congiunturale che si va attraversando, nonché la percezione e le attese degli avvocati nei confronti della loro Cassa professionale

Anche i medici aziendali faranno i vaccini

Anche i medici aziendali faranno i vaccini

04 Marzo 2021

Una vera e propria traccia di lavoro di cui ha parlato la ministra per gli Affari regionali, Maria Stella Gelmini, nell’audizione davanti alla Commissione parlamentare per le questioni regionali

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.