Anno: XXV - Numero 107    
Martedì 18 Giugno 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Primo medico in Italia sospeso perché non si aggiorna

Primo medico in Italia sospeso perché non si aggiorna

Odontoiatra valdostano era stato denunciato da una cliente nel 2012 per "lavori mal eseguiti" collegati all'inadempienza. Sette anni dopo, il verdetto

Primo medico in Italia sospeso perché non si aggiorna

Scatta a carico di uno specialista in odontoiatria il primo provvedimento di sospensione dall’esercizio della professione comminato a un sanitario, denunciato da una sua paziente tramite avvocato, perché risulta inadempiente nei confronti del programma di Educazione continua in medicina (ECM), un aggiornamento professionale obbligatorio tramite crediti formativi (partecipazione attiva a corsi e convegni) che peraltro riguarda anche iscritti ad altri ordini professionali, e che in medicina e chirurgia è una pratica obbligatoria da 17 anni. La Commissione esercenti arti e professioni sanitarie-CCEPS ha confermato in secondo grado il provvedimento di sospensione, seppure in misura ridotta da 6 a 3 mesi, confermando quanto stabilito dalla Commissione albo odontoiatri di Aosta a carico del dentista valdostano, che svolge la sua attività in parte anche a Nizza, in Francia. Il professionista era stato deferito da una cliente  per “lavori mal eseguiti” ricollegabili, secondo l’istanza del legale, al mancato aggiornamento professionale. L’Associazione italiana odontoiatri, che ha diffuso la notizia, ha commentato: “Dalla vicenda esce un messaggio chiaro: chi non si   forma costantemente non può definirsi un buon medico“. Sul caso è intervenuto anche Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: “In Italia l’ultimo triennio formativo ECM si è concluso con solo il 54% dei medici in regola. Sebbene i numeri siano in crescita, di fatto quasi la metà dei camici bianchi risulta ancora inadempiente. La strada per evitare di incorrere in meccanismi sanzionatori è sicuramente quella della formazione. Bisogna però aiutare i camici bianchi a investire nella loro professionalità attraverso incentivi e meccanismi premiali, anche a livello di carriera per chi dimostra di essere in regola con l’obbligo ECM”. Massimo Ferrero, della Commissione albo odontoiatri di Aosta, ha sottolineato che la situazione del professionista sanzionato era peculiare: “Esercita anche in Francia dove era stato oggetto di una misura analoga. Nel nostro caso era stato denunciato nel 2012 da una paziente che aveva evidenziato danni riconducibili a lavori mal fatti, a loro volta ricollegabili a un mancato aggiornamento evidente e formalmente comprovabile”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

AL G7, LA PRIMA VOLTA DI UN PAPA

AL G7, LA PRIMA VOLTA DI UN PAPA

14 Giugno 2024

La prima volta di un Pontefice al G7, forum di potenze globali nato quasi 50 anni fa per far fronte alle conseguenze della crisi energetica e del caro petrolio.

G7 2024 IN PUGLIA

G7 2024 IN PUGLIA

13 Giugno 2024

Il summit al via oggi a Savelletri affronterà una serie di temi cruciali, dalla guerra in Ucraina, alla crisi in Medio Oriente, dall’Intelligenza artificiale all’immigrazione, fino alle questioni finanziarie.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.