Anno: XXIII - Numero 86    
Venerdì 27 Maggio 2022 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » LA LEGGE SULLA MALATTIA DEL PROFESSIONISTA LEDE LA CONCORRENZA.

LA LEGGE SULLA MALATTIA DEL PROFESSIONISTA LEDE LA CONCORRENZA.

Alemanno all’Antitrust: la norma discrimina il diritto alla tutela dalla malattia

LA LEGGE SULLA MALATTIA DEL PROFESSIONISTA LEDE LA CONCORRENZA.

Dopo le vibranti proteste sulla norma contenuta nella Legge di Bilancio in tema di malattia del professionista e sospensione degli adempimenti fiscali che, pur se condivisibile nelle finalità, contiene un’ inspiegabile discriminazione tra i professionisti iscritti in albi ed i professionisti di cui alla Legge 4/2013 i primi ricompresi nella tutela i secondi completamente esclusi, Riccardo Alemanno

in qualità di Presidente dell’Istituto Nazionale Tributaristi (INT) e di Vice Presidente vicario di Confassociazioni, ha scritto al Presidente dell’Autorità Garante della concorrenza e del mercato, per evidenziare come l’art.1 della legge di bilancio al comma 933 lettera a) contenga la discriminazione, con risvolti lesivi anche della concorrenza. Si legge infatti nella segnalazione del Presidente Alemanno: “ Ho evidenziato da subito la discriminazione della norma che prevede tale giusta tutela solo per gli iscritti ad albi professionali escludendo tutti professionisti di cui alla Legge n.4 del 14/01/2013 (Professioni non ricomprese in ordini o collegi) e indirettamente anche i loro assistiti. Al momento ho solo ricevuto blande assicurazioni di futuri interventi correttivi, pur riscontrando in tutti i rappresentanti istituzionali la condivisione sul contenuto discriminatorio della norma oggetto di segnalazione.”  E ancora: “I commi da 927 a 944 dell’art. 1 della Legge 234/2021 (Legge di Bilancio) trattano la materia, in particolare la discriminazione è contenuta nel comma 933 alla lettera a): “933.

Ai fini dei commi da 927 a 944: a) per «libero professionista» s’intende la persona fisica che esercita come attività principale una delle attività di lavoro autonomo per le quali è previsto l’obbligo di iscrizione ai relativi albi professionali;

considerando una sorta di paria i professionisti di cui alla Legge n.4/2013 ed i loro assistiti, ciò è evidentemente stigmatizzabile sia sotto il profilo costituzionale che sociale, ma la norma di fatto contiene anche una grave lesione della concorrenza. 

Poiché si prevede la sospensione degli adempimenti tributari sia per il professionista, che per i suoi assistiti, i contribuenti potrebbero sentirsi maggiormente tutelati affidandosi ad un professionista indicato nella norma e questo non per maggior competenza,

ma per una tutela discriminatoria, con buona pace per professionisti quali i tributaristi, i revisori legali, gli amministratori di condominio, i consulenti informatici e di organizzazione aziendale, solo per citare alcune categorie discriminate.”

Ciò evidentemente danneggia fortemente la concorrenza, oltre a porre su diversi piani del diritto alla salute donne e uomini del settore professionale su un tema appunto come la tutela dalla malattia che a maggior ragione non deve mai prevedere limiti e differenze. Chiedo pertanto un intervento dell’Antitrust presso le Istituzioni parlamentari e governative preposte al fine di ristabilire la tutela della libera concorrenza come previsto dalle normative interne ed europee, inserendo nel dettato normativo in oggetto anche coloro che svolgono una delle attività professionali di lavoro autonomo di cui alla Legge n.4 del 14 gennaio 2013.”          

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

FERMARE LE SANZIONI SULLE OMESSE RITENUTE

FERMARE LE SANZIONI SULLE OMESSE RITENUTE

27 Maggio 2022

Il Cno chiede al Ministro Orlando di intervenire subito, con un emendamento, sulle spropositate sanzioni per le violazioni contabili sotto i 10mila euro

COSÌ L’EQUO COMPENSO È INACCETTABILE

COSÌ L’EQUO COMPENSO È INACCETTABILE

26 Maggio 2022

Stella (Confprofessioni) ribadisce “così come congeniato il testo non riconosce l’equo compenso al professionista ma sanziona chi lo chiede. Intanto l’Avvocatura è sempre più isolata.

SI ROMPE IL FRONTE DELLE CRITICHE ALL’EQUO COMPENSO

SI ROMPE IL FRONTE DELLE CRITICHE ALL’EQUO COMPENSO

25 Maggio 2022

Anf, Confprofessioni, Adepp chiedono di non approvare la legge così com’e’ con il rischio del paradosso di sanzionare il professionista e non il committente inadempiente. Isolata l''avvocatura che riunita in occasione dell’incontro del comitato organizzatore del Congresso nazionale forense, invece, preme per il varo del ddl così come è.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.