Anno: XXI - Numero 194    
Venerdì 25 Ottobre 2020 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Aiga.Necessario modificare l’esame per l’accesso alla professione di avvocato.

Aiga.Necessario modificare l’esame per l’accesso alla professione di avvocato.

Presentata in parlamento un proposta di riforma

Aiga.Necessario modificare l’esame per l’accesso alla professione di avvocato.

I recenti esiti dell’esame scritto per l’abilitazione all’esercizio della professione di avvocato hanno fatto emergere tutte le contraddittorietà di un sistema che, come più volte denunciato, somiglia di più ad un concorso pubblico – che si svolge, ormai, con modalità del tutto anacronistiche ed estranee all’effettivo svolgimento della professione – piuttosto che ad una prova abilitativa da eseguire all’esito di un percorso professionalizzante di pratica.

È per tale motivo che L’AIGA ha consegnato all’On. Carmelo Miceli (PD) – che provvederà, quale primo firmatario, a curarne l’iter per il deposito presso la Camera dei Deputati – una proposta di legge avente ad oggetto la riforma dell’esame di abilitazione alla professione forense.

La proposta AIGA prevede una sola prova scritta, l’atto giudiziario, ed una prova orale, oltre che una doppia sessione annuale (a giugno e a dicembre).

Nella riforma prevista dall’AIGA prevede anche la facoltà, rimessa al Ministro della Giustizia, di svolgere la prova scritta con l’ausilio di strumenti informatici.

“L’esame di abilitazione alla professione forense – afferma Antonio De Angelis Presidente nazionale di AIGA – deve rappresentare solo l’ultimo tassello del processo di verifica della idoneità di un giovane ad esercitare la professione di avvocato e non, invece, una “lotteria” in cui anche i più bravi sono costretti ad affidarsi alla sorte sperando di rientrare in una data percentuale di promossi. Occorre assolutamente favorire l’accesso alla professione forense alle giovani generazioni, attraverso criteri di valorizzazione del merito”.

“Si tratta del primo importante passaggio normativo attraverso cui puntiamo a modificare profondamente il sistema dell’accesso alla professione – dice Mariella Sottile della Giunta nazionale AIGA – ; desideriamo sollecitare una riforma strutturata della legge professionale che valorizzi pienamente il merito e le capacità dei nostri giovani praticanti ma, soprattutto, di coloro che svolgono un percorso universitario e di tirocinio forense con profitto, impegno e passione e con l’obiettivo, primario, di diventare “Avvocati”.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Torre Annunziata, gli avvocati piantano un ulivo per ricordare Ebru Timtik

Torre Annunziata, gli avvocati piantano un ulivo per ricordare Ebru Timtik

25 Settembre 2020

Un ulivo per ricordare il sacrificio di Ebru Timtik, l'avvocatessa turca impegnata nella difesa dei diritti umani, arrestata perché accusata di fare parte di un gruppo considerato terrorista e morta dopo 238 giorni di sciopero della fame attuato per chiedere un processo equo.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.