Anno XIII - Numero 219 - Chiuso in redazione: Martedi 12 Dicembre 2017 alle ore 18:00 archivio storico

Seguici su:


menu
Questo spazio è riservato alla pubblicazione di articoli di ordini, associazioni o enti. Se vuoi avere anche tu il tuo spazio per scrivere contattaci
aerarium



Pianeta Avvocato
Pianeta Avvocato
Pianeta Avvocato
Avvocati Tributaristi: Riscossione in ordine sparso con prassi opposte e disomogenee

Avvocati Tributaristi: Riscossione in ordine sparso con prassi opposte e disomogenee
Si è tenuto oggi a Roma il primo di una serie di incontri di formazione comune tra avvocati e magistrati tributari, per iniziativa di Uncat – Unione nazionale delle camere degli avvocati tributaristi – e Amt, Associazione magistrati tributari.  Temi della giornata la Riscossione e la impugnazione degli atti esecutivi, un tema “spinosissimo” perché coinvolge in maniera diretta il rapporto tra fisco e contribuente e coinvolge con grande impatto la giustizia tributaria”, ha specificato il presidente Uncat Antonio Damascelli. “In tema di riscossione assistiamo a qualche ondeggiamento nella giurisprudenza della  Corte di Cassazione sulla impugnativa degli atti esecutivi che crea incertezza nella scelta delle iniziative processuali. Nel decalogo presentato al Ministero dell’Economia e all’Agenzia delle Entrate abbiamo sollevato il tema della riscossione tra quelli  prioritari”. Non solo. Il presidente degli avvocati tributaristi ha dedicato un passaggio alla recente legge di riforma della legge delega n. 155/2017 che ha introdotto la procedura di allerta; la procedura mira a fare emergere immediatamente la situazione di difficoltà economica della impresa in modo da prevedere gli opportuni rimedi.  “Il coinvolgimento delle agenzie fiscali, che hanno l’obbligo di segnalare all’autorità giudiziaria uno stato di debito fiscale dell’azienda, è una previsione che presenta profili delicati di ricaduta  sulla vita delle aziende, alle quali l’attenzione del  legislatore delegato dovrà essere massima, ha specificato Damascelli. Per Amt sono intervenuti il presidente Ennio Emilio Sepe e il segretario generale Daniela Gobbi; per Uncat  Salvatore Cantelli e Silvia Siccardi. Ogni aspetto critico del tema della riscossione è stato affrontato  nel confronto e nell’approfondimento della giurisprudenza di merito e di legittimità: le notifiche delle cartelle, il giudizio di ottemperanza per la esecuzione delle sentenze; i termini di prescrizione delle pretese tributarie che per Uncat andrebbero uniformate ; la querela di falso e le questioni applicative nel processo tributario. In apertura dell’incontro è stato firmato il Protocollo d’intesa Uncat- Amt finalizzato a condividere momenti di formazione specialistica comune tra gli avvocati e i magistrati, promosso da Gianni Di Matteo, vicepresidente della Cat di Roma e consigliere direttivo Uncat. I rappresentanti delle due associazioni hanno convenuto sulla necessità di mantenere la giurisdizione tributaria in capo alle commissioni, in relazione alla alta specializzazione che il settore richiede, nel merito e nella procedura processuale. 

Data: Martedi 12 Dicembre 2017


Pianeta Avvocato


.:ARCHIVIO:.






video

Easy Agenda Mobile





Comingonweb