Anno XII - Numero 209 - Chiuso in redazione: Mercoledi 07 Dicembre 2016 alle ore 16:00 archivio storico

Seguici su:


menu
Questo spazio è riservato alla pubblicazione di articoli di ordini, associazioni o enti. Se vuoi avere anche tu il tuo spazio per scrivere contattaci
aerarium



L'Intervento
L'Intervento
L'Intervento
La burocrazia è anche stupida Di Maurizio de Tilla (Presidente A.N.A.I.)

La burocrazia è anche stupida Di  Maurizio de Tilla (Presidente A.N.A.I.)
Nei suoi due romanzi postumi, Il processo (1925) e Il castello (1926), Franz Kafka ha narrato metaforicamente l’incessante e sfibrante lotta tra la burocrazia e il cittadino. Che è anche la lotta tra l’in-telligenza militare o meccanica, da un lato, e l’intelligenza umana o intuitiva, dall’altro: cioè, tra la macchina che pretende di meccanizzare l’uomo, e l’uomo che non dispera di umanizzare la macchina. La burocrazia si manifesta anzitutto nell’ossessiva richiesta di dati personali, a partire da «cognome e nome, data e luogo di nascita, codice fiscale»: evidentemente, nessuno degli stupidi ingranaggi militari della macchina si è mai accorto che l’ultimo dato codifica anche i primi quattro. Lo stesso succede per l’IBAN, spesso richiesto insieme ad altre informazioni da esso codificate, come i dati della banca e della filiale.  I luoghi pubblici, reali o virtuali, sono ormai tutti presidiati da ottuse sentinelle che pretendono costan-temente le più svariate parole d’ordine: documenti, numeri di telefono, indirizzi fisici o elettronici, passwords, codici di accesso. Il tutto, naturalmente, all’insegna della stupida e inesistente privacy. Ma ciò solo negli orari di apertura, scelti kafkianamente in modo da coincidere con i tempi di lavoro delle persone normali (Piergiorgio Odifreddi - Dizionario della stupidità).

 

 


Data: Martedi 06 Dicembre 2016


L'Intervento


.:ARCHIVIO:.




video

Easy Agenda Mobile





Comingonweb