Anno XI - Numero 109 - Chiuso in redazione: Venerdi 24 Giugno 2016 alle ore 19:00 archivio storico

Seguici su:


menu
Questo spazio è riservato alla pubblicazione di articoli di ordini, associazioni o enti. Se vuoi avere anche tu il tuo spazio per scrivere contattaci
aerarium



L'Intervento
L'Intervento
L'Intervento
L'amara farsa della mancata proroga di Unico 2016

di Riccardo Alemanno (Presidente Int e Vice Presidente vicario di Confassociazioni)

L'amara farsa della mancata proroga di Unico 2016
Il presidente dell'INT, l'Istituto Nazionale Tributaristi, Riccardo Alemanno, stigmatizza quanto sta accadendo in relazione alla proroga di Unico 2016. "Ho la piena consapevolezza che esistono organizzazioni professionali del settore ben più fornite numericamente ed economicamente dell'Istituto Nazionale Tributaristi (INT), che mi onoro (nel senso vero del termine) di presiedere – ricorda Alemanno - ma quanto sta accadendo in merito ad una possibile quanto improbabile proroga dei versamenti da Unico 2016 è di una tristezza, uso un eufemismo, unica! Ho letto che la proroga viene concessa solo in casi di estrema emergenza, ma ormai si è sempre in emergenza nell'ambito degli adempimenti tributari, che talune organizzazioni professionali non avrebbero chiesto la proroga ufficialmente, ma solo in incontri ufficiosi, non commento ciò perché non è commentabile, leggo invece le tante richieste della base, quella base di intermediari fiscali che non si limita ad una categoria, ma va ben oltre anche numericamente, fornendo così un quadro più realistico dei soggetti impegnati nell'operazione Unico 2016. Sino a quando non verranno riviste scadenze ed adempimenti – sottolinea Alemanno - saremo sempre in emergenza, sino a quando si continuerà a sovrapporre scadenze di adempimenti che interessano tutti i contribuenti si avranno sempre difficoltà, sino a quando la concessione di proroghe dipenderà dalle richieste solo di qualcuno e non da quelle del mondo di tutti gli operatori del settore, avremo un bel dire sull' importanza delle giuste riforme economiche, fiscali, elettorali, costituzionali etc., ma senz'altro quella più necessaria sarà la riforma del modo di pensare, a partire dai rappresentanti istituzionali, quelli professionali, dai media (la maggioranza assenti forse non interessati a questa vicenda) e dagli stessi professionisti, senza escludere il sottoscritto. Chiudo con una citazione di Einstein, che accompagna da alcuni anni i congressi dell'INT: 'Abbiamo bisogno di un nuovo modo di pensare per risolvere i problemi causati dal vecchio modo di pensare", in un lunedì, molto lunedì mi domando: ma ci riusciremo mai?'"

Data: Lunedi 13 Giugno 2016


L'Intervento


.:ARCHIVIO:.


video

Easy Agenda Mobile





Comingonweb