Anno XIII - Numero 164 - Chiuso in redazione: Venerdi 22 Settembre 2017 alle ore 16:00 archivio storico

Seguici su:


menu
Questo spazio è riservato alla pubblicazione di articoli di ordini, associazioni o enti. Se vuoi avere anche tu il tuo spazio per scrivere contattaci
aerarium



L'Intervento
L'Intervento
L'Intervento
Equo compenso per tutti, non solo per gli avvocati

di Romeo La Pietra. (Presidente Professionisti per il Friuli Venezia Giulia)

Equo compenso per tutti, non solo per gli avvocati
Con sempre più insistenza, recentemente  con anche  manifestazioni  di piazza e cortei, i  professionisti di tutte le categorie invocano iniziative legislative tese ad introdurre l’equo compenso, ovvero misure tese a riequilibrare la situazione dei compensi professionali  fortemente sbilanciata verso il basso dopo l’abolizione dei minimi tariffari. In questo contesto non può che sollevare perplessità il DDL approvato  nel mese scorso dal Governo  su proposta del Ministro della Giustizia Orlando che fissa nuove regole in materia di equo compenso solo  per gli avvocati.(Disposizioni in materia di equo compenso e clausole vessatorie nel settore delle prestazioni legali). L’iniziativa  va sicuramente nella direzione auspicata ma ciò che lascia confusi è che un principio così importante venga riconosciuto  dal Governo  prioritariamente e separatamente  ad una sola categoria professionale ,  tenuto conto anche  che in Parlamento erano diversi i disegni di legge presentati sull’argomento e tutti riguardanti la pluralità delle professioni regolamentate (ddl Sacconi S2858 Disposizioni in materia di equità del compenso e responsabilità professionale delle professioni regolamentate, ddl Pepe -Da Vico S 2685 Disposizioni urgenti per la tutela dei cittadini e della qualità del lavoro dei professionisti,  ddl Damiano AC4582. Disposizioni in materia di equo compenso nell'esercizio delle professioni regolamentate e del lavoro, ddl Berretta AC 4575 Disposizioni in materia di equo compenso nell'esercizio delle professioni regolamentate.) Assistiamo così dopo la ripresa dei lavori parlamentari ad una strana situazione in cui un ramo del Parlamento discute l’equo compenso solo per gli avvocati ,essendo ora il disegno di legge del Governo (AC 4631) in esame alla Commissione Giustizia della Camera  , mentre l’altro ramo del Parlamento valuta l’equo compenso per tutte le professioni regolamentate poichè il già citato Ddl Sacconi (S2858)  è  stato  ora assegnato alla  Commissione Lavoro del Senato. Due percorsi diversi dunque di cui non si può che auspicare quanto prima l’unificazione visto che il problema affligge  indistintamente allo stesso modo  tutte le categorie e deve essere risolto con la stessa urgenza per tutti, stabilendo misure idonee che consentano di proteggere tutti i professionisti i da una infausta concorrenza verso il basso che inevitabilmente, in ultima analisi, si riflette e penalizza soprattutto  l’utenza finale con la qualità della prestazione.

Data: Venerdi 22 Settembre 2017


L'Intervento


.:ARCHIVIO:.




video

Easy Agenda Mobile





Comingonweb