Anno XI - Numero 161 - Chiuso in redazione: Giovedi 29 Settembre 2016 alle ore 16:00 archivio storico

Seguici su:


menu
Questo spazio è riservato alla pubblicazione di articoli di ordini, associazioni o enti. Se vuoi avere anche tu il tuo spazio per scrivere contattaci
aerarium



Focus su...
Focus su...
Focus su...
No a nuove tensioni con le toghe, ma sulla riforma del processo penale restano tensioni all'interno della stessa maggioranza di governo. E proprio per prudenza la maggioranza decide, con il voto dell'aula del Senato, di rinviare il voto di palaz

No a nuove tensioni con le toghe, ma sulla riforma del processo penale restano tensioni all'interno della stessa maggioranza di governo. E proprio per prudenza la maggioranza decide, con il voto dell'aula del Senato, di rinviare il voto di palaz

No a nuove tensioni con le toghe, ma sulla riforma del processo penale restano tensioni all’interno della stessa maggioranza di governo. E proprio per prudenza la maggioranza decide, con il voto dell’aula del Senato, di rinviare il voto di palazzo Madama, mettendo all’ordine del giorno il ddl sul cinema come primo punto da esaminare. Complici i numeri risicati del governo al Senato. Di buon mattino, con l’intervista ancora fresca in cui Andrea Orlando paventa la fiducia, basandosi, riconosce lo stesso presidente del Consiglio, su “cose di buon senso, visto che tutti sappiamo che il governo rischia sempre al Senato”, Matteo Renzi esclude “tendenzialmente” la fiducia sul pacchetto giustizia in discussione al Senato, perche’ si tratterebbe, in sostanza, di un atto ostile nei confronti dell’Anm.  “La questione – spiega – e’ semplice: abbiamo fatto regole che considero buone ma mettere fiducia su una questione per cui il capo dei giudici, il dottor Davigo, che ha detto anche cose pesanti su di me ma che ho il dovere di ascoltare, perché avrà le sue motivazioni, dice che sono dannose e inutili, allora la fiducia su atti per la giustizia che i giudici dicono dannosi prima metterla ci penso due o tre volte”. Dunque, sintetizza Renzi, “si va in Aula e lì si vedrà” mentre il ricorso alla fiducia “e’ tendenzialmente escluso”. Angelino Alfano non vede le stesse criticita’ “Pensiamo che la fiducia non faccia correre particolari rischi. E’ evidente che se dovesse essere snaturato a scrutinio segreto il senso di questa normativa in fase di approvazione, noi il voto finale non potremmo darlo”. “Avevamo chiesto di mettere la fiducia – ricorda ancora il leader Ncd – ma la valutazione ultima di opportunità compete al presidente del Consiglio. Su certi argomenti il voto segreto in aula puo’ rappresentare una tentazione troppo forte per segmenti giustizialisti: dentro questo provvedimento ci sono elementi come la riforma delle intercettazioni e la nostra preoccupazione e’ che a voto segreto si possano realizzare intese tra giustizialisti dei 5 stelle e giustizialisti interni ad alcuni settori del Pd”.


Data: Giovedi 29 Settembre 2016


Focus su...


.:ARCHIVIO:.




video

Easy Agenda Mobile





Comingonweb