Anno XIII - Numero 164 - Chiuso in redazione: Venerdi 22 Settembre 2017 alle ore 16:00 archivio storico

Seguici su:


menu
Questo spazio è riservato alla pubblicazione di articoli di ordini, associazioni o enti. Se vuoi avere anche tu il tuo spazio per scrivere contattaci
aerarium



Lettere al direttore
Lettere al direttore
Lettere al direttore
No all'attribuzione, agli iscritti in ordini e collegi, di funzioni e compiti oggi svolti dalla P.a.

No all'attribuzione, agli iscritti in ordini e collegi, di funzioni e compiti oggi svolti dalla P.a.
Caro direttore, premettendo la stima che nutro nei confronti della Presidente Marina Calderone, mi permetto però una breve  riflessione sull’attribuzione, agli iscritti in ordini e collegi, di funzioni e compiti oggi svolti dalla Pubblica Amministrazione, attribuzione prevista dal c.d. Jobs Act sul lavoro autonomo. Attribuire funzioni oggi esercitate dallo Stato a soggetti privati significa, a mio avviso,  il fallimento della Pubblica Amministrazione come soggetto di supporto al cittadino-contribuente, che dovrebbe essere accompagnato proprio dallo Stato nell’ assolvimento dei propri doveri e nella fruizione dei propri diritti, inoltre tali funzioni se attribuite a soggetti privati che hanno, giustamente, tra i loro obiettivi anche l’ottenimento di un risultato economico, creeranno maggiori costi per il cittadino-contribuente. Detto ciò e ribadito che i professionisti ordinistici non hanno bisogno di questo per dimostrare la propria competenza e professionalità, riconosciuta sia per percorso professionale sia per l’attività che svolgono quotidianamente, non avrò più dubbi  e remore in merito se tali funzioni saranno svolte gratuitamente, sia per lo stato, sia per i cittadini-contribuenti. Concludo accennando appena al fatto che il Legislatore, evidentemente distratto, ha dimenticato che oggi nel nostro Paese l’ordinamento prevede due macro-aree del settore delle professioni, una ordinistica, l’altra individuata dalla Legge 4/2013, ma i professionisti associativi, attenti alle innovazioni ed ai mutamenti della società, dimostreranno con il loro impegno non solo le professionalità e le competenze che possiedono, ma anche il fatto di avere buona memoria e di non essere distratti.

Riccardo Alemanno (Presidente dell’Int e Vice Presidente vicario di Confassociazioni).

 


Data: Mercoledi 24 Maggio 2017


Lettere al direttore


.:ARCHIVIO:.




video

Easy Agenda Mobile





Comingonweb