Anno XIII - Numero 99 - Chiuso in redazione: Mercoledi 24 Maggio 2017 alle ore 16:00 archivio storico

Seguici su:


menu
Questo spazio è riservato alla pubblicazione di articoli di ordini, associazioni o enti. Se vuoi avere anche tu il tuo spazio per scrivere contattaci
aerarium



in breve
in breve
in breve
Liguria. Sottoscritta intesa anti-crisi con Adepp

Liguria. Sottoscritta intesa anti-crisi con Adepp
È stato sottoscritto il 19 maggio scorso un protocollo d’intesa tra Regione Liguria e Adepp, l’associazione degli enti previdenziali privati che riunisce tutti i professionisti aderenti alle casse autonome. L’intesa, siglata dall’ assessore al Lavoro Gianni Berrino e da Francesco Verbaro di Adepp, prevede lo scambio di informazioni per monitorare l’andamento del lavoro dei liberi professionisti. «Per la prima volta – spiega Berrino – abbiamo stretto un accordo con Adepp perché si tratta di un settore meritevole di attenzione che in Italia raduna oltre 1,5 milioni di professionisti, di cui 42.648 in Liguria che hanno subito pesanti contraccolpi a seguito della crisi degli ultimi anni. L’obiettivo è quello di studiare l’andamento dei redditi e mettere a punto strategie e misure di sostegno a favore degli iscritti alle 18 casse autonome, all’interno delle iniziative anti-crisi già predisposte da Regione Liguria». «L’intesa con Regione Liguria – aggiunge Verbaro – consentirà, attraverso i dati delle casse di previdenza, di individuare le misure di politica per il lavoro e di rafforzamento delle competenze più utili al settore dei liberi professionisti e di favorire, inoltre, l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro delle professioni». Dai primi dati a disposizione il reddito medio dei professionisti maschi, negli ultimi anni, risulta essere calato di oltre 2 mila euro l’anno: si è passati da una media annuale nel 2010 di 48.400 euro ai 46.300 euro del 2015. A questo si deve aggiungere la profonda discrepanza tra professionisti uomini e donne. Queste ultime fanno registrare un reddito medio annuo di 24.886 euro nel 2015 a fronte dei 46.300 di quello maschile. «Un crollo dei redditi e una differenza molto forte tra uomini e donne su cui vogliamo intervenire – conclude Berrino – mettendo in campo nuove misure di supporto».

Data: Lunedi 22 Maggio 2017


in breve


.:ARCHIVIO:.




video

Easy Agenda Mobile





Comingonweb