Anno XIII - Numero 142 - Chiuso in redazione: Martedi 25 Luglio 2017 alle ore 16:00 archivio storico

Seguici su:


menu
Questo spazio è riservato alla pubblicazione di articoli di ordini, associazioni o enti. Se vuoi avere anche tu il tuo spazio per scrivere contattaci
aerarium



Professione in primo piano
Professione in primo piano
Professione in primo piano
Periti Agrari, il futuro della professione riparte dalla scuola

Periti Agrari, il futuro della professione riparte dalla scuola
Promuovere in accordo con il Ministero dell’istruzione e dell’Università una revisione dei programmi didattici per affermare competenze che appartengono ai Periti Agrari e Periti Agrari Laureati e che in questo Paese ancora non vengono appieno riconosciute; rivedere modalità e forme d’iscrizione al Collegio coinvolgendo direttamente gli Istituti tecnici agrari, gli Istituti d’istruzione superiore, gli Istituti tecnici superiori, Ministero dell’Istruzione e Università. È questa una delle priorità del neo eletto Consiglio nazionale del Collegio dei periti agrari che si è presentato questa mattina a Roma, alla Camera dei Deputati. Un obiettivo che sarà perseguito predisponendo convenzioni e protocolli che portino i Periti Agrari e Periti Agrari Laureati nelle aule scolastiche e universitarie a presentare la categoria, l’ordinamento e i suoi aspetti applicativi, le competenze professionali, anche inserendo nei programmi didattici ore di lezione specifiche. Il nuovo Collegio dei Periti Agrari si rivolge alle scuole tecniche agrarie, agli ITS e alle università: «Con loro stringeremo un patto – sottolinea il presidente del Collegio nazionale Periti Agrari e Periti Agrari laureati, Mario Braga – un contratto di compartecipazione alla progettazione e realizzazione di processi di nuova professionalizzazione. Promuoveremo, sosterremo e comparteciperemo a costruire una ‘Buona scuola’, in cui l’essere, il sapere ed il sapere fare, radicati nella nostra straordinaria storia, si coniugano armonicamente per offrire all’economia circolare dell’agricoltura, dell’agroalimentare e dell’ambiente intelligenze e professionisti e imprenditori eccellenti».  L’impegno che porterà avanti il Collegio sarà anche quello di instaurare e consolidare relazioni con il Parlamento e con i suoi organi, affinché la “Legge” diventi il riferimento giuridico chiaro, trasparente ed etico. «Promuoveremo la riforma del nostro Ordinamento – aggiunge Braga -, che ormai denota l’usura del tempo e della storia. Le nostre azioni non dovranno cadere dal cielo ma saranno il frutto delle letture di domande consolidate dal tempo ed emerse dall’impegno dei nostri Collegi Territoriali. Nell’eleggermi presidente è stato condiviso il programma che scritto a più mani e dovrà essere realizzato insieme. Se osservazioni, integrazioni o critiche motivate dovessero emergere, sarà mia, nostra cura, porle in quel processo di divenire che certamente ci aiuterà a rispondere alle numerose sollecitazioni che l’Italia e la nostra categoria ci pongono».

Data: Martedi 25 Luglio 2017


Professione in primo piano


.:ARCHIVIO:.




video

Easy Agenda Mobile





Comingonweb