Anno XIII - Numero 59 - Chiuso in redazione: Venerdi 24 Marzo 2017 alle ore 16:00 archivio storico

Seguici su:


menu
Questo spazio è riservato alla pubblicazione di articoli di ordini, associazioni o enti. Se vuoi avere anche tu il tuo spazio per scrivere contattaci
aerarium



primo piano
primo piano
primo piano
ROTTAMAZIONE CARTELLE FINO AL 21 APRILE
Il consiglio dei ministri ha approvato un decreto ad hoc per prorogare la scadenza del 31 marzo

di Luigi Berliri

ROTTAMAZIONE CARTELLE FINO AL 21 APRILE
Più tempo per rottamare le cartelle Equitalia. Il Consiglio dei ministri ha infatti approvato un decreto legge per prorogare dal 31 marzo al 21 aprile la scadenza per fare domanda di rottamazione delle cartelle esattoriali e dare tempo a Equitalia e agli altri enti della riscossione di rispondere ai contribuenti non più entro il 31 maggio ma entro il 15 giugno.  Viene inoltre chiarita la possibilità di adesione alla rottamazione anche delle Casse di previdenza, a patto che si tratti di cartelle relative ai contributi dalle Casse stesse non versati. In particolare, dopo il comma 10 viene inserito il seguente: “10-bis. L’articolo 6, comma 10, lettera e-bis), del decreto-legge 22 ottobre 2016, n. 193, convertito, con modificazioni, dalla legge 1o dicembre 2016, n. 225, si interpreta nel senso che ai fini della definizione agevolata dei carichi, di cui al comma 1 del citato articolo 6, non sono dovute le sanzioni irrogate per violazione degli obblighi relativi ai contributi e ai premi anche nel caso in cui il debitore sia lo stesso ente previdenziale”.  Tutti i termini per aderire alla rottamazione dei carichi affidati, compresi quelli prorogati, vengono invece rimandati di un anno per i contribuenti residenti nei Comuni colpiti dal sisma del Centro Italia. Tra l’altro un altro emendamento al Decreto Sisma approvato dalla Commissione ampia il numero dei Comuni interessati, includendo alcuni Municipi prima esclusi. A quasi 5 mesi dall'avvio della definizione agevolata, sono circa 600mila le istanze di definizione agevolata presentate ad Equitalia. Lo comunica l'agenzia pubblica di riscossione sottolineando che un contribuente su due ha utilizzato il web per presentare la domanda, invece di presentarsi allo sportello. Nell'ultima settimana comunque il numero dei contribuenti che sono stati serviti allo sportello è cresciuto del 28% rispetto allo stesso periodo del 2016. Nel Cdm di oggi c'è stato anche il via libera del governo al decreto legislativo sui dirigenti della sanità. "Si tratta di un decreto estremamente importante che andrà ora nella Conferenza Stato regioni e concluderà il suo iter entro giugno. Dal mese di ottobre sarà operativo l'elenco unico nazionale per quanto riguarda i direttori generali", ha spiegato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Il decreto sulla selezione della dirigenza sanitaria  corregge i rilievi delle Regioni e soprattutto supera l'impugnativa fatta dalla Regione Veneto nei confronti del Ddl Madia.

Data: Venerdi 24 Marzo 2017


primo piano


.:ARCHIVIO:.




video

Easy Agenda Mobile





Comingonweb