Anno XIX - Numero 221 - Chiuso in redazione: Venerdi 14 Dicembre 2018 alle ore 16:00 archivio storico

Seguici su:


menu
Questo spazio è riservato alla pubblicazione di articoli di ordini, associazioni o enti. Se vuoi avere anche tu il tuo spazio per scrivere contattaci
aerarium



le interviste
le interviste
le interviste
Matteo Santini ci riprova

Matteo Santini ci riprova
Matteo Santini, da sette anni  consigliere dell’Ordine di Roma da 7 anni si ripresenta alle prossime elezioni per il Coa della Capitale.

D. Di cosa ha bisogno oggi l’avvocatura ?

R. L’avvocatura ha bisogno di rappresentanti forti che non abbiano paura ad alzare la voce anche di fronte ai poteri forti e alla politica che governa il nostro Paese. Dobbiamo necessariamente costruire un’avvocatura coesa, con un immagine di serietà e di unità. Il ruolo dell’avvocato deve essere valorizzato e difeso, senza spaccature e senza compromessi.

D. Ma al di là delle belle parole quale è il suo programma ?

R. Il programma è tutto. Senza un programma serio, concreto e realizzabile qualunque idea resterebbe solo una sterile promessa elettorale. Ho elaborato insieme ai miei collaboratori un programma concreto suddiviso il 25 punti. Il programma è spiegato nel dettaglio all’interno della mia pagina Facebook “avvocato Matteo Santini”. Chiunque può leggerlo ed eventualmente proporre delle integrazioni o formulare delle osservazioni (anche critiche)

D. Ci può dire in breve quali sono i punti salienti del programma ?

R.  Sono tutti importanti ma le questioni predominanti sono quelle connesse alla necessità per gli avvocati di superare la crisi economica che attanaglia i professionisti; quindi nuove opportunità per gli avvocati, proposte di legge, tutela delle categorie deboli, tutela delle pari opportunità e soprattutto sistemi di democrazia diretta.

D. In che senso democrazia diretta ?

R.  Devono essere gli avvocati a decidere del loro futuro , a proporre iniziative e a partecipare ai gruppi di lavoro che le realizzeranno. Ho previsto dei sistemi concreti di democrazia diretta, specie attraverso l’uso di “semplici strumenti informatici” che renderanno questa partecipazione concreta e assolutamente realizzabile. Nel mio programma questo è’ spiegato chiaramente.

D. Di cosa ha bisogno l’avvocato del futuro ?

R.  Da una parte Dignità, onore ed una rappresentanza forte; dall’altra innovazione e uno sguardo a tutte le evoluzioni culturali e strutturali della società.

D. Perché ha scelto di candidarsi nella lista denominata “con Mauro Vaglio” ?

R. Le rispondo con due parole: lealtà e coerenza !!!

D. Come ha giudicato l’idea di Mauro Vaglio di candidarsi alle elezioni politiche del marzo 2018 ?

Io da Presidente non l’avrei fatto per ovvie ragioni di opportunità. Non ho avuto alcuna remora nel criticare la Sua scelta. E’ stata una scelta personale che non ho affatto condiviso. D’altro canto giudico Mauro Vaglio per come ha gestito l’ordine degli avvocati Roma nei suoi sette anni di presidenza ed è’ innegabile che in questi anni il Consiglio dell’Ordine di Roma abbia realizzato una serie infinita di progetti e abbia finalmente cambiato il suo approccio nello confronti dei colleghi; un consiglio trasparente, democratico, attivo e sempre a servizio del colleghi in poche parole “la casa di tutti gli avvocati”.

D. Pur chiamandosi “con Mauro Vaglio” non leggo tra i candidati il nome di Mauro Vaglio ?

R. Questo è il nostro vero progetto; un nuovo modo di fare politica senza attaccamento alle poltrone; rinnovarsi senza tradire il passato, soprattutto quando si tratta di un passato onorevole fatto di successi e soddisfazioni. Il progetto con Mauro Vaglio va avanti da sette anni. Tante cose sono state realizzate, altre sono in fase di realizzazione e altre ancora saranno portate avanti, sempre in un’ottica di coerenza e di lealtà. Mauro Vaglio continuerà ad essere a servizio dei colleghi ma senza restare incollato a quella poltrona da presidente dalla quale in troppi hanno tentato invano di farlo cadere. La sua scelta inaspettata di lasciare quella poltrona volontariamente per far spazio ad altri ha lasciato spiazzati gli avversari ed e’ la definitiva testimonianza della sua onestà e lungimiranza politica. È stato un Grande Presidente ma il suo modo di fare politica forense deve continuare. Altrimenti rischiamo di tornare all’epoca giurassica !!


Data: Venerdi 30 Novembre 2018


le interviste


.:ARCHIVIO:.

video

Easy Agenda Mobile





Comingonweb