Anno XIX - Numero 163 - Chiuso in redazione: Venerdi 21 Settembre 2018 alle ore 16:00 archivio storico

Seguici su:


menu
Questo spazio è riservato alla pubblicazione di articoli di ordini, associazioni o enti. Se vuoi avere anche tu il tuo spazio per scrivere contattaci
aerarium



Professione in primo piano
Professione in primo piano
Professione in primo piano
Società scientifiche. Decorsi i 120 giorni dalla presentazione dell'istanza di inserimento nel primo elenco nazionale delle società scientifiche, si attende l'elenco

Società scientifiche. Decorsi i 120 giorni dalla presentazione dell'istanza di inserimento nel primo elenco nazionale delle società scientifiche, si attende l'elenco
Non è ancora on line l'elenco delle Società Scientifiche previsto dalla nuova Legge sulla responsabilità professionale sanitaria. La sua pubblicazione, sul sito salute.gov, è a cura della Direzione Generale delle Professioni Sanitarie del Ministero della Salute, la stessa che ha curato l'istruttoria di ammissione all'elenco, i cui termini sono già trascorsi.  Alla scadenza dell'8 novembre 2016, infatti, le società scientifiche Scivac, Sivar, Sive e Sivar hanno inoltrato istanza di inserimento nell'elenco, nel rispetto dei termini e dei requisiti statutari dettati dal DM 2 agosto 2017. Da allora, sono trascorsi i 120 giorni previsti dall'istruttoria, ma dal Ministero della Salute non sono pervenuti aggiornamenti. Le società scientifiche, una volta elencate dal Ministero, potranno redigere linee guida e raccomandazioni di buone pratiche clinico-assistenziali. L'osservanza di queste ultime da parte del professionista sanitario potrà costituire elemento a suo favore in caso di chiamata in giudizio per responsabilità professionale.  "L'esercente la professione sanitaria risponde del proprio operato ai sensi dell'articolo 2043 del codice civile- è scritto all'articolo 7, comma 3 della Legge-  salvo che abbia agito nell'adempimento di obbligazione contrattuale assunta con il paziente. Il giudice, nella determinazione del risarcimento del danno, tiene conto della condotta dell'esercente la professione sanitaria" sia dal punto di vista civile che penale.  In ogni caso, anche in mancanza di specifiche  linee guida e raccomandazioni applicabili al caso concreto, la Legge prevede che gli esercenti le professioni sanitarie si attengano a buone pratiche clinico-assistenziali. Oltre all'elenco delle società scientifiche, manca all'appello anche il decreto - uno dei vari provvedimenti attuativi della Legge 24/2017- che deve definire i criteri di emanazione delle linee guida da parte delle società scientifiche. Quest'ultimo provvedimento, già predisposto dal Ministro della Salute, dovrà raggiungere l'intesa in Conferenza Stato-Regioni.

Data: Martedi 13 Marzo 2018


Professione in primo piano


.:ARCHIVIO:.

video

Easy Agenda Mobile





Comingonweb