Anno XIX - Numero 163 - Chiuso in redazione: Venerdi 21 Settembre 2018 alle ore 16:00 archivio storico

Seguici su:


menu
Questo spazio è riservato alla pubblicazione di articoli di ordini, associazioni o enti. Se vuoi avere anche tu il tuo spazio per scrivere contattaci
aerarium



primo piano
primo piano
primo piano
SEMPLIFICAZIONE FISCALE PER I PROFESSIONISTI
Gli ingegneri chiudendo il 63 congresso chiedono al governo misure di semplificazione fiscale e amministrativa a favore dei professionisti

SEMPLIFICAZIONE FISCALE PER I PROFESSIONISTI
È il messaggio lanciato da Armando Zambrano, presidente del Consiglio nazionale degli ingegneri, nel corso dei lavori del 63° Congresso degli ingegneri italiani. Zambrano si è concentrato soprattutto su tre questioni. "La prima -ha detto- è la necessità di individuare parametri oggettivi per l’assoggettabilità dei professionisti all’Irap. Com’è noto, il presupposto dell’imposta è l’autonoma organizzazione. Purtroppo, la norma e la giurisprudenza non indicano parametri oggettivi per individuare, per ciascun tipo di attività, l’esistenza o meno di una autonoma organizzazione. Di conseguenza, è il giudice di merito ad accertare di caso in caso l’esistenza di tale requisito. I professionisti chiedono di chiarire la definizione di autonoma organizzazione, anche mediante la definizione di criteri oggettivi. Una seconda questione - ha proseguito - è quella relativa alla deducibilità dei costi dell’autovettura. La normativa fiscale individua per i professionisti limiti di deducibilità per alcune categorie di spesa attraverso la presunzione legale dell’uso promiscuo. Attualmente, la norma prevede la possibilità di dedurre una percentuale pari al 20% delle spese sostenute. È bene ricordare che la percentuale di deducibilità di tale spesa è stata ridotta nell’anno 2012 passando, con più provvedimenti normativi, dal 40% al 20%". Gli ingegneri auspicano "l’innalzamento della quota di deducibilità per tale spesa fino al 50%, limitatamente agli esercenti di arti e professioni in forma individuale e a un unico veicolo". Un’ultima importante richiesta degli ingegneri è la modifica del regime forfettario. "Attualmente - ha detto Zambrano - quest’ultimo assoggetta il reddito prodotto a una imposta sostitutiva, in misura fissa del 15% (ridotta per i primi 3 anni). L’imposta sostituisce l’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), le addizionali regionali, comunali e l’Irap. Naturalmente la norma limita l’accesso e la permanenza nel regime forfettario al rispetto di determinati parametri tra cui quelli di natura reddituale" Per gli ingegneri il limite è di 30.000 euro. La proposta che giunge dal Congresso degli ingegneri è di estendere questo limite a 50.000 euro per una vasta gamma di professionisti. "Inoltre, al fine di limitare la riduzione del gettito erariale, e per motivi di equità fiscale, si ritiene utile definire, all’interno dello stesso provvedimento, una seconda aliquota pari al 25% per i compensi che superano l’attuale somma di 30.000 euro fino al raggiungimento della soglia 50.000 euro e un limite reddituale per l’accesso e la permanenza nel regime pari 50.000 euro", ha concluso Zambrano.

Data: Venerdi 14 Settembre 2018


primo piano


.:ARCHIVIO:.

video

Easy Agenda Mobile





Comingonweb